menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Scarano

Scarano

Processo Scarano, Fiorillo confessa: "Ho pagato 400 euro la mia penitenza"

L'ex socio del prelato salernitano testimone al processo per riciclaggio. Ascoltato anche il comandante dei carabinieri Gennaro Iervolino

"Eravamo diretti ad Avelli e chiesi a monsignor Nunzio Scarano di confessarmi. Quando finimmo, lui mi disse che l'unico modo per fare penitenza era dare soldi da investire in opere di bene. Così gli diedi ciò che avevo in tasca 300-400 euro". E' la frase - riportata oggi sul Mattino - pronunciata, nel corso del processo che vede imputati il noto prelato salernitano insieme ad altre 49 persone, da Giovanni Fiorillo, ex socio in affari di Scarano nella società Prima Luce

Un testimonianza, la sua, che ha sorpreso e non poco i presenti e che ha indotto per ben due volte il presidente della seconda sezione penale di Salerno Ubaldo Perrotta a ricordare a Cirillo che era sotto giuramento. Ma ieri si è discusso anche del furto a casa Scarano, che ha portato sul banco dei testimoni anche il maggiore Gennaro Iervolino, comandante dei carabinieri della compagnia di Salerno, che ha avviato per primo le indagini. Assente alla quinta udienza nel processo che lo vede coinvolto con l'accusa di riciclaggio Scarano. "Sarà presente in aula solo quando assolutamente indispensabile al fine di fornire la sua versione dei fatti". 

Il 18 febbraio si terrà una udienza straordinaria per ascoltare i due sottufficiali di polizia giudiziaria che hanno condotto le indagini, ovvero il maresciallo Acconcia e il maresciallo Sabatella.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento