Profagri: accordo per la gestione di un fondo agricolo della Camorra

Firma del protocollo di intesa fra Profagri e Terra e Vi. Va per la gestione del Fondo Agricolo Nicola Nappo bene confiscato alla camorra

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Il 25 Febbraio alle ore 10,00 a Scafati presso il Fondo Agricolo Nicola Nappo, bene confiscato alla camorra, si terrà la cerimonia di firma del protocollo di intesa tra PROFAGRI e l’ASSOCIAZIONE TEMPORANEA DI SCOPO TERRA VI.VA stilato nell’ottica comune di promuovere la cultura della legalità nel territorio salernitano e valorizzare il recupero sociale dei beni confiscati alla criminalità. Il terreno in questione, infatti, sito a Scafati in via San Marzano, 394, affidato alla ATS Terra Vi.VA. sarà destinato in parte alle esercitazioni didattiche degli studenti del PROFAGRIdell’agro nocerino sarnese.

L’iniziativa nasce dall’esigenza di utilizzare a sfondo sociale i beni confiscati, frutto di malaffare coinvolgendo in rete il mondo della scuola innanzitutto, il Terzo settore, la cittadinanza ma anche il sistema produttivo locale e gli altri stakeholders. Per realizzare tale progetto l’ ATS TERRA VI.VA e la scuola PROFAGRI SALERNO hanno stretto sinergia anche per attività di informazione e sensibilizzazione al fine di diffondere nella scuola una maggiore cultura della legalità, impegnandosi a organizzare momenti di approfondimento, di consulenza anche di tipo seminariale sul tema dell’agricoltura e dell’ambiente. La
cerimonia di lunedì mattina prevede, intanto, la piantumazione simbolica di alberi da frutto, che avverrà per mano degli studenti della sede di Angri che in quella occasione avvieranno le attività di Alternanza Scuola Lavoro previste per quel Fondo. In seguito toccherà anche agli studenti di Sarno di volta in volta recarsi presso il Terreno Nappo per svolgere le esercitazioni agrarie. Per Alessandro Turchi, dirigente del PROFAGRI, “ è una occasione ulteriore per riaffermare la presenza della scuola come presidio e istituzione delegata alla legalità”.
 

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento