menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pronto soccorso di Scafati, Polichetti a De Luca: “Preoccupanti le sue parole sulla riapertura"

Il sindacalista della Fials provincia lancia anche un appello alle forze politiche per lavorare insieme: “Il consiglio comunale appena insediatosi deve convocare un'assise straordinaria sul tema, incontrando medici e operatori sanitari"

 "Le affermazioni di Vincenzo De Luca sulla riapertura del pronto soccorso di Scafati sono preoccupanti. Al governatore della Campania chiedo di fare marcia indietro per il bene di 50mila abitanti". Con queste parole Mario Polichetti della Fials provinciale chiede un confronto alla parte politica sul futuro del Mauro Scarlato.

La denuncia

Il sindacalista si dice preoccupato per l’attuale situazione: “Quando sento dire che c'è un Pronto soccorso a 15 minuti di distanza sorrido amaro e penso che in passato un manager dell'Asl per un'affermazione simile è andato a processo”. Per Polichetti “Scafati ha un bacino d'utenza differente dall'altra zona dell'Agro nocerino, abbracciando anche l'hinterland Vesuviano. Capisco che per la Regione gestire una sanità complessa come quella campana è difficile, ma non si può tornare indietro su quanto promesso ai cittadino fino a poco tempo fa".

Da qui, l'appello alle forze politiche per lavorare insieme: “Il consiglio comunale di Scafati appena insediatosi deve convocare un'assise straordinaria sul tema, incontrando medici e operatori sanitari che hanno a cuore le sorti dello "Scarlato". Bisogna discutere insieme su come agire concretamente. Non sono un burocrate, ma credo che aprire un Pronto soccorso in un ospedale così importante non sia certamente un problema per un governatore che ha già fatto piazza pulita delle negatività all'interno della sanità regionale. Anche De Luca sa che Scafati merita di più e questo gli va ricordato” conclude Polichetti.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento