menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cava 5 Stelle: "Coltivazioni di canapa per bonificare i terreni", la proposta

Il gruppo Ambiente: "La pianta della canapa ancor prima del tabacco ha dato sostentamento a molte famiglie cavesi ed il suo uso tradizionale è legato alla fabbricazione della corda"

Ripristinare le antiche coltivazioni della canapa per bonificare i terreni. Questa l'idea del gruppo Ambiente di Cava5Stelle: "La pianta della canapa ancor prima del tabacco ha dato sostentamento a molte famiglie cavesi ed il suo uso tradizionale è legato alla fabbricazione della corda. - hanno detto dal gruppo - Noi abbiamo approfondito le caratteristiche di questa pianta con la collaborazione di uno dei massimi referenti regionali del settore. Abbiamo capito che è una delle poche colture che riesce a soddisfare la sostenibilità, la salvaguardia dell’ambiente, l’abbassamento del CO2 (obiettivo del 2020) e la mancanza di acqua, uno dei maggiori problemi che affliggerà la popolazione mondiale. Effettivamente la canapa è una pianta che permette di limitare l'uso di risorse naturali e nello stesso tempo apporta benefici all’ambiente. Infatti il suo assorbimento di CO2 è elevato, 400 kg per ogni tonnellata prodotta, e nello stesso tempo per la sua coltivazione non se ne produce tanto visto che a parte le prime tre settimane quando ha bisogno di acqua, nei successivi mesi si alimenta tramite le sue radici che riescono ad arrivare a profondità di 2-3 metri resistendo anche a periodi di carenza d’acqua".

"Non c’è bisogno di pulire il terreno intorno alle sue radici perché la pianta per le sue caratteristiche elimina le erbe infestanti. - continuano - L’unica azione più impegnativa è quella della raccolta che avviene con una semplice falciatrice. Aspetto che ci preme sottolineare è che le radici arrivando ad elevate profondità riescono a prelevare dal sottosuolo sostanze tossiche, metalli pesanti che fissano sul fusto oggi utilizzato per fabbricare prodotti per l’edilizia come isolanti termici, mattoni in modo da fissare tali materiali che restano inerti". La proposta del gruppo è che tale pianta sia usata localmente nelle zone circostanti la discarica di Cannetiello per aiutare l’opera di bonifica. "Le aree che hanno subito l’ordinanza comunale di divieto di pascolo e raccolta di prodotti della terra potrebbero iniziare questo percorso di sanificazione e nello stesso tempo ottenere entrate economiche", concludono, invitando gli agricoltori, i giovani imprenditori, i rappresentanti delle associazioni di categoria e i proprietari dei terreni circostanti la discarica a contattarli perché nelle prossime settimane sarà organizzato un convegno con esperti del settore. Info: Cava5stelle.it

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento