menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il tribunale di Vallo della Lucania

Il tribunale di Vallo della Lucania

Induzione alla prostituzione minorile, condannato imprenditore di Pollica

Un 62enne di Acciaroli condannato a tre anni per induzione alla prostituzione di una 13enne: le indagini partite in seguito all'omicidio Vassallo

Induzione alla prostituzione minorile, tre anni di reclusione per un imprenditore 62enne di Acciaroli. La decisione è stata presa dal tribunale di Vallo della Lucania. Al centro della vicenda un imprenditore del posto finito solamente per caso nel mirino delle forze dell'ordine nel corso dei controlli e delle indagini effettuate in seguito al barbaro omicidio del compianto sindaco pescatore Angelo Vassallo.

Secondo quanto si è appreso ad incastrare l'imprenditore sarebbero state alcune intercettazioni telefoniche tra l'uomo ed una 13enne di nazionalità romena, residente nel piccolo centro cilentano. Di qui le indagini e la condanna, giunta dopo la richiesta del rito abbreviato avanzata dai legali dell'imputato, gli avvocati Attilio Tajani e Pietro Lisi. L'uomo è stato così condannato a tre anni di reclusione, a fronte dei quattro e mezzo e 15 mila euro di multa richiesti dal pubblico ministero. L'imprenditore cilentano è stato anche assolto dal reato di violenza sessuale perché il fatto non sussiste.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Salute

Open day per Pfizer a Roccadaspide e per Moderna a Cava: le date

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento