Cronaca

"Campania in zona rossa, noi a lutto": l'urlo di acconciatori e estetisti

Insostenibile, per la categoria, "l’ulteriore provvedimento che impedisce loro di lavorare e di garantire la sopravvivenza delle proprie imprese e dei propri dipendenti, nonostante gli investimenti fatti nei mesi precedenti per adottare tutte le disposizioni utili a garantire la sicurezza"

Campania in zona rossa, noi al lutto: questa la locandina affissa sulle saracinesche di numerosi acconciatori aderenti all'iniziativa del CNA di Salerno. In segno di protesta, contro la proroga della zona rossa per altri 15 giorni in Campania e la conseguente chiusura di tutte le attività di acconciatura ed estetica, la Cna Salerno ha promosso l'azione simbolica per esprimere i disagi e il malcontento dei propri acconciatori.

La video-intervista ad un acconciatore

La protesta dei gestori dei locali

L'urlo degli acconciatori

Insostenibile, per la categoria, "l’ulteriore provvedimento che impedisce loro di lavorare e di garantire la sopravvivenza delle proprie imprese e dei propri dipendenti, nonostante gli investimenti fatti nei mesi precedenti per adottare tutte le disposizioni utili a garantire la sicurezza all’interno dei propri esercizi per lavoratori e clienti", sottolineano dal CNA. Numerosi, i parrucchieri che si sono rivolti alla nostra redazione per sottolineare come riesca loro sempre più difficile provvedere ai pagamenti delle bollette e degli affitti senza entrate: "Chi deve aiutarci? Avrei accettato situazioni simili se la mia attività fosse fallita, ma è mai possibile che, dopo tanti sacrifici, mi costringano a chiudere e a rinunciare al mio impiego senza supporto di alcun tipo? E' disumano e noi chiediamo di poter tornare al lavoro", ha sottolineato un acconciatore salernitano. Tanta amarezza e forti preoccupazioni per il futuro.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

"Campania in zona rossa, noi a lutto": l'urlo di acconciatori e estetisti

SalernoToday è in caricamento