I centri di riabilitazione in piazza, buone notizie dalla Regione

In trecento tra disabili, anziani, familiari e lavoratori sono scesi in strada per chiedere all'Asl si correggere un errore di programmazione. In tarda mattinata la buona notizia

Monta la protesta dei centri di riabilitazione della provincia di Salerno. Da questa mattina almeno in trecento tra disabili, anziani, familiari e lavoratori sono scesi in strada per chiedere all’Asl si correggere un errore di programmazione di una delibera,  promossa dalla Regione Campania e confermata dall’Azienda Sanitaria Locale, che da due mesi gli impedisce di svolgere correttamente il loro lavoro, a causa di un blocco dei finanziamenti. Questa mattina alle 10 in via Nizza sono giunti in massa dinanzi la sede dell’Asl di via Nizza paralizzando la circolazione e il traffico cittadino e bloccando completamente via Memoli. “Stanno togliendo l’ossigeno alle nostre famiglie – ha denunciato Gino Serretiello, genitore membro dell’Anfass ed esponente dell’associazione Vietri Senza Limiti – Si vuole vietare l’integrazione ai disabili che da un momento all’altro rischiano di rimanere senza assistenza”.

E’ davvero una vergogna quanto sta accadendo” gli ha fatto eco un’altra signora, mentre tra la folla c’è chi ha minacciato col megafono di occupare la Prefettura. Alle 12, infatti, in centinaia con con pulmini, ambulanze e mezzi di assistenza  si recheranno in corteo sotto Palazzo di Governo per cercare di trovare una soluzione. Previsti due sit-in  ad oltranza uno in via Nizza ed un altro sotto Palazzo di Governo. I Centri interessati da questo blocco di prestazioni a causa di due milioni di euro non appostati dalla Regione sono: Anffas Salerno, Uildmn Villaggio Scocozza, Centro Teri Cava dei Tirreni, Fondazione Scoppa Angri, Servizi Sanitari Residenziali Roccapiemonte, Istituto Juventus Mercato San Severino, Centro Riabilitazione Motoria Agropoli, Centro Juventus Vibonati, Fondazione Opera Giovanile Juventus Sala Consilina, Centro Fkt Cilento, Centro Medical R Vallo della Lucania, Centro Ortokinesis Piaggine, Centro San Luca Battipaglia, Centro Tivan Battipaglia, Centro Ises Eboli, Centro Lars Sarno, Centro Juventus Sarno, Villa delle Rose Nocera Inferiore, Siria Servizi Sanitari Mercato San Severino.

In tarda mattinata e grazie anche all'intervento del Prefetto di Salerno, la Regione Campania ha comunicato al Direttore generale dell'ASL di Salerno di invitare le strutture alla prosecuzione dei trattamenti garantendo in pochi giorni l'arrivo di 2 milioni e 800 mila euro, ritenuti sufficienti a coprire il fabbisogno fino al 31 dicembre. “Resto cauto – ha detto il presidente dell’Anfass Onlus di Salerno, Salvatore Parisi - nonostante le rassicurazioni. Finchè non verranno sbloccati dall’ASL i 2milioni e 800mila euro promessi dal Commissario straordinario alla Sanità Morlacco restiamo vigili. Grazie a tutte quelle coraggiose famiglie  che stamane  sono scese in piazza al fianco dei loro figli nel pretendere il rispetto dei diritti, della salute  e della vita”. “Soddisfatti ma sempre  allertati e sopratutto viglili sullo stanziamento promesso al Prefetto”, afferma il Presidente dell'Aspat Pierpaolo Polizzi in uno con il Coordinatore Antonio Gambardella. Gambardella sottolinea il rammarica di aver creato disagio ai disabili ed agli anziani prima e ai cittadini di Salerno poi per il blocco del traffico. “Purtroppo - afferma -  è stata l'unica soluzione possibile. Speriamo di non dover più ripetere proteste del genere. Bene i 2.800.000. Ma era necessario bloccare la città per averli?”.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Striscia la Notizia a Salerno: pazienti oncologici rinunciano agli esami per il blocco delle convenzioni

  • Festa dell'Immacolata: non c'è il pienone in Campania, l'allarme dell'Abbac

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Piazza della Libertà, i lavori saranno completati dalla "Rcm" di Rainone

  • “Si è spento serenamente”, ma l'uomo è vivo: Sarno tappezzata di "falsi" manifesti

Torna su
SalernoToday è in caricamento