rotate-mobile
Cronaca Cava de' Tirreni

Circo Acquatico "Denji Show" a Cava: monta la protesta degli animalisti

I volontari: "Hanno anche un cane al loro seguito con il pelo della testa tosato a forma di cresta e tinto di biondo, in violazione dell'art 8 c. 10 del Regolamento per la tutela degli animali"

Verrà ospitato a Cava de' Tirreni dal 6 al 10 giugno,il circo Acquatico "Denji Show", completo di pinguini, tapiri e coccodrilli. Non si fa attendere, il dissenso dell'associazione animalista Venganch'io e della Lav che, il 9 giugno terranno un presidio informativo, "per far conoscere agli avventori la realtà di violenza e sopraffazione che si cela dietro ai tendoni, come si è visto anche recentemente nei TG nazionali", come spiegano gli stessi organizzatori.

"Chiediamo che la gente si astenga da questo tipo di spettacoli e che anzi partecipi con noi a presidi, che ne chiedano l'esclusione degli animali", sottolinea Simona Parrilli, responsabile settore Circo della sezione Lav di Salerno. "Purtroppo, nonostante la recente approvazione di un Regolamento comunale che limita molto la possibilità di attendamento ai circhi con animali, si è costretti nuovamente ad assistere a questo triste spettacolo - aggiungono i volontari di Venganch'io - abbiamo avuto già modo di verificare che, oltre agli animali rinchiusi nelle gabbie, c'è un cane al loro seguito con il pelo della testa tosato a forma di cresta e tinto di biondo, in violazione dell'art 8 c. 10 del Regolamento per la tutela degli animali. Stiamo già chiedendo a chi di competenza che si effettuino i dovuti controlli, sia sul benessere degli animali (se tale si può chiamare la vita in una gabbia), sia sulle onnipresenti affissioni abusive in città".

"Siamo contrari a questo tipo di circo- incalza Tommaso Magaldi, guardia zoofila WWF -Perchè ciò che gli animali fanno al circo non fa parte della loro natura, perchè i movimenti e gli esercizi che fanno sono indotti con la violenza ed i metodi più insani".  “Nessun uomo ha il diritto di imprigionare un altro essere vivente per utilizzarlo per il proprio divertimento e il proprio interesse economico. Ad ogni animale va riconosciuto il diritto di vivere la propria vita da essere libero”, ha concluso Arianna Dall’Occo, responsabile settore Veg della sezione Lav di Salerno. Alle ore 15 del 9 giugno, dunque, in piazza tutti gli animalisti.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Circo Acquatico "Denji Show" a Cava: monta la protesta degli animalisti

SalernoToday è in caricamento