rotate-mobile
Cronaca

Parco scientifico e tecnologico, esplode la rabbia dei lavoratori: la protesta

Sit-in questa mattina dei dipendenti sotto i portici di Palazzo di Città per chiedere un sostegno concreto all'amministrazione comunale affinchè prenda a cuore la loro vertenza occupazionale

Mattinata di protesta sotto i portici di Palazzo di Città da parte dei dipendenti del parco scientifico e tecnologico di Salerno. I lavoratori e le organizzazioni sindacati sono fortemente preoccupati delle decisioni che potrebbero essere assunte nella prossima assemblea straordinaria dei soci e delle Aree Interne della Campania che si terrà il 5 marzo. A rischio, infatti, è il posto di lavoro di tutti gli operai, che già da tempo sono in cassa integrazione.

I sindacati, tra cui Francesca D'Elia della Fiom Cgil e Vincenzo Ferraro della Filt-Cgil, hanno chiesto già più volte al Comune, di proseguire "il percorso avviato con l’università di Salerno per la definizione di una piattaforma programmatica" e di verificare "possibili scenari di sviluppo strategico e integrare le risorse del Pst nel percorso di riorganizzazione regionale, per la salvaguardia dei livelli occupazionali".

In collaborazione con Marilia Parente


 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parco scientifico e tecnologico, esplode la rabbia dei lavoratori: la protesta

SalernoToday è in caricamento