menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Pulizie dimezzate all'Asl: la battaglia della Sam e le conseguenze dei tagli

I lavoratori hanno sottolineato come, a causa dei tagli, persino gli ambulatori dove si effettuano i vaccini, ora siano puliti tre volte a settimana e non più sei giorni su sette: una situazione, questa, da non sottovalutare

Prosegue, la battaglia dei dipendenti della Sam, all'Asl di via Nizza. Ieri notte, infatti, i dipendenti dell'azienda che si occupa delle pulizie nelle strutture sanitarie, non  hanno desistito, annunciando che difenderanno ad ogni costo il loro lavoro. Riduzioni del 70% sui loro compensi, la rinuncia alle tredicesime e la conseguente impossibilità di mantenere i livelli occupazionali, dunque, rappresentano un regalo di Natale tutt'altro che gradito per i lavoratori, padri e madri di famiglie che, da un momento ad un altro, si vedono mancare la terra sotto i piedi.

Al di là del dramma occupazionale, di cui si è fatta portavoce, tra gli altri l'Ugl, fanno riflettere anche le ripercussioni dei tagli sulle prestazioni: i dipendenti dovrebbero lavorare 1 ora anzichè la classica mezza giornata. Questo non potrà che penalizzare la pulizia degli ambienti amministrativi e sanitari che, come noto, necessitano di un'accuratezza certosina. "Se lavo i bagni, come posso pulire gli uffici in 1 ora?", si sono domandati diversi lavoratori della Sam, i quali hanno sottolineato come, a causa dei tagli, persino gli ambulatori dove si effettuano i vaccini, ora siano puliti tre volte a settimana e non più sei giorni su sette. Una situazione, questa, le cui conseguenze non sono, dunque, certo da sottovalutare.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento