menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Siamo scappate di casa, aiutateci": appello di due ragazze ai carabinieri

A prendersi cura di loro è stato un carabinieri di turno alla caserma di Battipaglia. Le due giovani erano fuggite al termine della scuola per trascorrere una serata in una grande città

Una insolita richiesta si è sentito rivolgere, nel cuore della notte, un carabiniere di servizio alla porta della compagnia di Battipaglia da parte di due ragazze minorenni, infreddolite e completamente bagnate. “Siamo scappate da casa e non sappiamo dove trascorrere la notte, per favore offriteci riparo” hanno esclamato al citofono al carabiniere che, immediatamente, le ha fatte entrare ed accolte nella caserma al riparo da un forte temporale che si stava abbattendo sulla città.

Mentre le ragazze venivano rifocillate e rincuorate, la centrale operativa di Battipaglia ha provveduto immediatamente a contattare le famiglie delle due amiche sedicenni, non tornate a casa al termine delle lezioni scolastiche. I loro genitori si sono precipitati in caserma e, tra le lacrime, le hanno riabbracciate. Le due giovani avevano detto alle famiglie di non preoccuparsi perché avrebbero passato la notte a casa di una loro compagna di scuola.

Avevano invece architettato una fuga che però si è (fortunatamente) interrotta dopo appena ventisette chilometri sotto un acquazzone a Battipaglia. La loro intenzione era quella di trascorrere qualche giorno in una città grande, ma alle prime difficoltà legate al maltempo ed alla notte che incombeva hanno pensato bene di ritornare sui loro passi, e  fiduciose si sono avviate verso la caserma dei carabinieri, l’unico posto  in cui,  anche nel cuore della notte, avrebbero trovato sicuro riparo.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Salute

Moderna e Pfizer: ecco cosa cambia da lunedì

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento