menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Aggredirono un imprenditore durante una rapina: nei guai due stranieri

I carabinieri di Caivano hanno identificato e fermato alcuni dei componenti di una banda di albanesi che un paio di mesi fa pestò a sangue il proprietario di una villetta di Sant'Egidio del Monte Albino

Due cittadini albanesi, membri di una banda di rapinatori, sono stati arrestati la scorsa notte dai carabinieri di Casoria con l’accusa di associazione per delinquere finalizzata alla commissione di furti e rapine in abitazione, detenzione illegale di armi, tentato omicidio, lesioni personali aggravate e ricettazione. Tra le vittime dell’organizzazione criminale, a cui erano affiliati i due uomini stranieri, era finito anche un imprenditore di Sant’Egidio del Monte Albino che, lo scorso 21 dicembre, trovò all’interno della sua villetta i malviventi mentre rovistavano nei cassetti a caccia di soldi e oggetti preziosi. Uno di loro gli puntò addirittura una pistola e premette il grilletto, ma l’arma fortunatamente si inceppò. A quel punto fu un complice, allora, con una grossa chiave inglese a colpire l’uomo alla testa e alla bocca.

La sede della banda era a Caivano: da lì i suoi componenti partivano con potenti auto rubate, recuperava le armi dai nascondigli e raggiungeva zone isolate delle province campane e lucane per compiere le rapine.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento