Reddito di Cittadinanza, via libera all’inserimento dei percettori nei Puc a Nocera

I cittadini beneficiari del sussidio, saranno obbligati a svolgere lavori di pubblica utilità (per 8 o 16 ore settimanali) presso gli Enti a loro assegnati

Questa mattina, nell’aula consiliare del Comune di Nocera Inferiore, si è tenuta una riunione operativa presieduta dal Responsabile dell’Ufficio di Piano, il dottore Renato Sampogna ad oggetto la prossima attivazione dei Puc (Progetti Utili alla Collettività). Presenti gli operatori dei servizi sociali dell’Ambito S01-1, incaricati della gestione dei progetti e dell’attribuzione dei stessi ai percettori di reddito.

I progetti

I progetti approvati sono stati 37 e riguarderanno per la prima fase, 300 dei 450 soggetti percettori del reddito di cittadinanza, individuati dalle Politiche Sociali. I cittadini beneficiari del sussidio, saranno obbligati a svolgere lavori di pubblica utilità (per 8 o 16 ore settimanali) presso gli Enti a loro assegnati, in base alle competenze personali valutate dal personale dei Servizi Sociali. Le attività da svolgere riguarderanno settori quali la manutenzione del verde pubblico, la vigilanza fuori dalle strutture scolastiche, e i servizi di archivio e supporto informatico presso i comuni, scuole e la Procura. L’avvio dei progetti è previsto per la fine del mese di gennaio.
Per il Comune di Nocera Inferiore, le procedure riguardanti i Progetti Utili alla Collettività, sono state seguite dall’ assessore al ramo Antonietta Manzo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • Curiosità, coppia del salernitano si ricongiunge da Maria De Filippi

  • Ritorno a scuola, De Luca firma la nuova ordinanza: ecco cosa prevede

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento