rotate-mobile
Martedì, 20 Febbraio 2024
Cronaca Serre

Rifiuti dalla Tunisia a Persano, Bonavitacola: "Non sono tossici, entro luglio saranno tolti"

Il vice presidente della Regione e assessore all'ambiente rassicura la popolazione rispondendo ad un'interrogazione in consiglio regionale

"Nel porto di Salerno sono arrivati i 220 containers e già in questa prima fase è stata avviata una prima sommaria valutazione sulla composizione dei rifiuti, che sono stati temporaneamente depositati a Persano, la quale ha escluso elementi di tossicità e nocività. Si è confermato, infatti, che sono rifiuti composti principalmente da materiale secco, non organico, con qualche presenza di rifiuti ingombranti". Lo ha annunciato il vicepresidente della Regione Campania e delegato all'Ambiente Fulvio Bonavitacola, rispondendo, nel corso di una seduta del Question time, a un'interrogazione sugli esiti della caratterizzazione dei rifiuti dei containers spediti in Tunisia, ad iniziativa del consigliere Felice Di Maiolo (Misto). 

La rimozione dei rifiuti 

Bonavitacola è entrato nel merito della questione ambientale: "L'analisi merceologica chimico-fisica si svolgerà a Persano sotto la supervisione dei consulenti nominati dall'autorità giudiziaria. Si tratta, quindi, di operazioni non nella disponibilità della Regione Campania, che potranno attribuire il codice per la caratterizzazione e, quindi, per la rimozione e per il trattamento finale dei rifiuti. Sono state già rimosse da Persano 47 mila tonnellate di rifiuti derivanti dalle precedenti emergenze rifiuti - ha concluso Bonavitacola - e si giungerà alla fine di questa vicenda che risale agli anni 2000 entro il 31 luglio prossimo". "Mi ritengo soddisfatto perché siamo tranquillizzati sul fatto che non si tratta di rifiuto nocivi - ha dichiarato Di Maiolo e per il fatto che la Regione si impegna a rimuovere tutti i rifiuti da Persano entro il 31 luglio".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rifiuti dalla Tunisia a Persano, Bonavitacola: "Non sono tossici, entro luglio saranno tolti"

SalernoToday è in caricamento