Riforma della prescrizione, penalisti salernitani in sciopero: "Scenderemo in piazza"

Il presidente Sarno: "Non si può continuare a pensare, in questa vulgata assurda, che l'avvocato è contiguo al suo cliente, che l'avvocato dovrebbe essere solidale rispetto a una sanzione pecuniaria"

Il presidente Michele Sarno

La riforma della disciplina della prescrizione da un lato e le dichiarazioni del presidente della seconda sezione penale della Cassazione e membro del Csm, Piercamillo Davigo, dall'altro. L'avvocatura di Salerno, evidenzia il presidente emerito della Camera Penale della città, Michele Sarno, "scende in piazza soprattutto per i cittadini".

La protesta

I motivi che spingono i legali ad aderire all'astensione dalle udienze il prossimo 28 gennaio e a radunarsi davanti al Parlamento, l'avvocato Sarno li riassume così: "La nostra non è una battaglia di retroguardia per garantire privilegi all'avvocatura, ma per fare in modo che questo Paese rifletta su alcune questioni legate al mondo della giustizia che, oggettivamente, vengono trattate in modo improprio da coloro i quali hanno grosse responsabilità. Non si può continuare a pensare, in questa vulgata assurda, che l'avvocato è contiguo al suo cliente, che l'avvocato dovrebbe essere solidale rispetto a una sanzione pecuniaria". Il legale salernitano si dice convinto della necessità di "smetterla a chi la dice più grossa, altrimenti si alzerà qualcuno e chiederà come risolvere il problema di 4 milioni di innocenti, come emerso da un'inchiesta di Repubblica, che sono stati assolti e che hanno ricevuto un processo ingiustamente e che sono stati incarcerati ingiustamente". "Per questi, nel nostro Paese - ha aggiunto - viene stabilita un'ingiusta detenzione. E tutti questi soldi li pagano i cittadini. Allora qualcuno dovrebbe poter dire che visto che i risarcimenti li pagano i cittadini, chi è responsabile versi questi soldi? Bisogna smetterla con la caccia alle streghe e, dal diritto delle vittime che va tutelato, bisogna iniziare a tutelare il diritto degli innocenti. Il diritto degli innocenti è lo stesso che vogliono le vittime, perchè queste ultime vogliono che venga accertata la verità e chi è realmente responsabile".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'associazione

Da Salerno dovrebbe partire anche un'associazione nazionale apolitica e gratuita, alla quale potranno iscriversi tutti per sostenere le battaglie delle Camere Penali. Tra una quindicina di giorni, la nuova associazione, che molto probabilmente si chiamerà  “La Verità”, potrebbe essere operativa. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Covid, nuova ordinanza della Regione Campania: confermate le restrizioni

  • Campania: dietrofront sulla scuola, non riaprono neppure le elementari

  • Covid-19: torna l'autocertificazione in Campania, all'orizzonte un nuovo decreto di Conte

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Superenalotto, la Dea bendata bacia Salerno: vinti 25mila euro

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento