menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ripascimento del litorale, sopralluogo del sindaco: "E' la nuova cartolina di Salerno"

Il primo cittadino Vincenzo Napoli si è recato a Mercatello, in zona Miramare, per constatare l'ultimazione dei lavori di ripascimento delle spiagge. Presenti anche Piero De Luca, Maraio, De Maio, Pellegrino

I numeri del ripascimento del litorale salernitano sono snocciolati da Annarita Lione, ingegnere della Rcm: "La lunghezza della spiaggia, fuori mare, è di circa 45 metri. In alcuni tratti, all'altezza del Polo Nautico, si arriva a circa 80 metri per quanto riguarda la parte emergente, la linea di riva. Per il ripascimento, sono state portate complessivamente 180mila tonnellate di sabbia. Appalto per circa 7 milioni di euro". Per il sindaco di Salerno, che assiste all'andirivieni dei camion e delle gru, "questa è la nuova cartolina di Salerno".

Il sopralluogo

Stamattina, il primo cittadino Vincenzo Napoli ha fatto visita al tratto di spiaggia di Mercatello, altezza Miramare, insieme all'assessore all'urbanistica, Mimmo De Maio, al deputato Piero De Luca, al consigliere regionale Tommaso Pellegrino. "Sono immagini di struggente bellezza - aggiunge il sindaco di Salerno - è un'opera formidabile, che non finisce qui. I lavori saranno ultimati a febbraio. Oltre agli aspetti legati all'ambiente e al paesaggio, c'è anche un aspetto di difesa spondale. L'iniziativa continuerà con altri due lotti, fino alla spiaggia di Santa Teresa". Il deputato Piero De Luca riflette sui risvolti turistici: "Cambieranno l'immagine e il futuro di Salerno. Avremo uno spazio di balneazione finora inesistente, restituito alla città. La città del futuro avrà turismo e balneazione come elementi di sbocco e di sviluppo. Inoltre evitiamo l'erosione della costa, a tutela dell'ambiente".

Il cronoprogramma e la sicurezza

"Siamo in una fase avanzata dei lavori - ha confermato l'assessore all'urbanistica, Mimmo De Maio - nonostante le avverse condizioni climatiche non abbiano permesso di accelerare. I tempi saranno rispettati: poche settimane e concluderemo. Le mareggiate non danneggiano né rallentano, anzi se non ci fossero state le barriere  avremmo avuto seri problemi, comprese le vibrazioni ai fabbricati. Cominciavano, infatti, ad esserci problemi anche alle palizzate degli edifici e in passato abbiamo più volte fatto i conti con sabbia e detriti in strada. Adesso non riscontriamo più queste difficoltà".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento