Cronaca San Marzano sul Sarno

Rissa a San Marzano sul Sarno: identificati e denunciati due marocchini

Uno di loro è stato medicato con numerosi punti di sutura al cuoio capelluto e al volto per i tagli riportati. Provvedimento di espulsione per il giovane, irregolare sul territorio italiano

Carabinieri della stazione di San Marzano sul Sarno hanno denunciato due marocchini di 24 e 23 anni per rissa aggravata e lesioni  personali. Il 24enne è stato anche trovato in possesso di una lametta, quindi denunciato per porto abusivo di oggetti atti a offendere. 

I fatti

Alcuni residenti avevano segnalato una rissa in piazza Nassirya, che i carabinieri già monitoravano da giorni. I militari hanno rintracciato i giovani marocchini e uno di loro è stato anche trasportato in ospedale. E' stato medicato con numerosi punti di sutura al cuoio capelluto e al volto per i tagli riportati, poi trattenuto precauzionalmente in osservazione per alcune ore. Il 23enne, invece, ha riportrato ferite più lievi. Uno dei due giovani è risultato ireegolare sul territorio italiano: è stata avviata la procedura di espulsione con conseguente provvedimento della Prefettura di Salerno. Proseguono i controlli nel centro abitato e nelle aree periferiche di San Marzano sul Sarno.

La reazione della sindaca

Carmela Zuottolo, sindaca di San Marzano sul Sarno, si è complimentata con il Reparto territoriale dei carabinieri di Nocera Inferiore e della locale stazione dell'Arma. "Siamo soddisfatti dell'attività svolta dai militari che, questa mattina, hanno effettuato con me un sopralluogo in piazza Nassirya. Esemplare la risposta immediata data dal comandante del Reparto territoriale, Rosario Di Gangi, e dal comandante della locale stazione dei Carabinieri, Vincenzo Di Domenico, per la alla città di San Marzano sul Sarno. Intervenuti immediatamente, hanno anche sequestrato l'oggetto usato nella rissa, più notifica di espulsione dell’extracomunitario. Con la polizia municipale, guidata dal comandante Gennaro Perulli, siamo pronti ad attuare controlli più stringenti, immediati. Infatti è già in atto un censimento: chiederemo a tutte le persone straniere presenti sul nostro territorio a che titolo vivono in città e se sono in regola con il permesso di soggiorno. Capiremo, così, le condizioni abitative in cui vivono e, dunque, dovranno esibire un regolare contratto di locazione. Nessuna caccia alle streghe, ma soltanto agire su un fenomeno che da tempo attanaglia la città. La collaborazione con l'Arma dei carabinieri va in tal senso. La loro presenza sul territorio significa che lo Stato c'è. E i carabinieri saranno presenti anche ai controlli che faremo con gli agenti della nostra polizia municipale".
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa a San Marzano sul Sarno: identificati e denunciati due marocchini

SalernoToday è in caricamento