Abusi sulla nipote e l'amichetta, le vittime "accusano" l'anziano in tribunale

Lo hanno fatto mercoledì scorso, nell'aula del tribunale di Nocera Inferiore, dove al banco degli imputati ci sono un uomo con la figlia, madre di una delle due minorenni parte offese nel processo

Hanno confermato gli abusi e le violenze di tipo sessuale subite da quell'uomo di 69 anni. Lo hanno fatto mercoledì scorso, nell'aula del tribunale di Nocera Inferiore, dove al banco degli imputati ci sono un uomo con la figlia, madre di una delle due minorenni parte offese nel processo. Lui è accusato di aver abusato della nipote e anche di una sua amica. La madre della prima, invece, è accusata di aver saputo di quelle violenze e di non averle impedite.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'udienza

L'udienza dinanzi al collegio giudicante era dedicata alla testimonianze delle due bambine, sentite in modalità protetta, alla presenza di un consulente specializzato. Entrambe, con i loro tempi, confermato le presunte molestie sessuali subite dal 69enne. L'uomo ha già una condanna per gli stessi fatti, commessi proprio a danno della figlia, che oggi si ritrova imputata con lui. Il nonno avrebbe mostrato i genitali alla sua piccola nipote, per poi toccarla nelle parti intime, quando questa aveva meno di dieci anni, in un periodo compreso tra il 2015 e l'estate 2017. Poi un altro episodio, contestato nei confronti di un'amichetta della piccola, alla quale avrebbe riferito frasi dal contenuto osceno, per poi toccarla. Differenti le accuse mosse alla madre di una delle due, che risponde di un omesso controllo sulla propria figlia. Secondo la procura, lei era a conoscenza degli abusi del padre sulla propria figlia, ma non li avrebbe impediti in alcun modo. Il Tribunale del Riesame, interpellato in sede preliminare, diede ragione alla donna, liberandola dal carcere e sottolineando l'assenza di elementi che facessero pensare che la stessa avesse acconsentito a quelle presunte violenze commesse da suo padre. I fatti si sarebbero consumati a Roccapiemonte, all'interno di un condominio dove vivevano il nonno con la nipote e la figlia. Il 69enne risponde di violenza sessuale aggravata nei confronti delle due minori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Muore folgorata in casa, la difesa dell'elettricista: "Indagate tutti i familiari"

  • Coronavirus, 27 nuovi contagi in Campania: il bollettino

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, i dati del bollettino

  • Incidente mortale nella notte, Cava: giovane centauro perde la vita

  • "Non mi dai da bere? Ti accoltello": un arresto a Torrione, beccato anche uno spacciatore

  • Covid-19, De Luca: "In Campania fatto miracolo". E annuncia: "Vaccino contro tumore"

Torna su
SalernoToday è in caricamento