Salma scomparsa dal cimitero per il cambio di due foto: indagine chiusa

Il gip ha archiviato, su richiesta della procura, l'indagine aperta dopo la denuncia dei figli di una donna, deceduta nel 2006 e la cui salma pare fosse sparita tra lo scorso Natale e il mese di gennaio di quest'anno

Nessun reato sulla presunta sparizione di una salma dal cimitero di Roccapiemonte. Il gip ha archiviato, su richiesta della procura, l'indagine aperta dopo la denuncia dei figli di una donna, deceduta nel 2006 e la cui salma pare fosse sparatia tra lo scorso Natale e il mese di gennaio di quest'anno.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'indagine al cimitero

Il procedimento era a carico di ignoti, con l'accusa di villipendio di cadavere. In realtà, la salma era sempre rimasta all'interno della stessa cappella gentilizia, come accertato dalle indagini. A creare l'equivoco era stato uno spostamento di una delle fotografie della defunta e del marito. A quel punto, i figli avevano perso le tracce delle sue spoglie, scoprendo che nel loculo dove erano state accolte iniizalmente, vi era invece la suocera dell'intestatario della cappella. Da lì, avevano deciso di presentare denuncia ai carabinieri di Roccapiemonte, interessando del caso anche lo stesso sindaco. Nella denuncia si parlò non solo della scomparsa della salma, ma anche delle fotografie, compresa quella vicina del marito della defunta. L'indagine della procura di Nocera Inferiore ha tuttavia accertato che la famiglia Torino, titolare della cappella, aveva prima accolto e in realtà mai spostato le salme dal piano interrato, sistemando le foto al piano superiore. La salma, invece ,era sempre rimasta nello stesso posto. L'equivoco delle foto aveva creato il dissidio. La famiglia aveva incaricato, a propria tutela, l'avvocato Carmela Novaldi del foro di Nocera Inferiore. L'indagine è stata archiviata, ma i titolari della cappella hanno deciso di evitare altri equivoci, facendo rimuovere le salme dalla propria cappella gentilizia, con il trasferimento in altro luogo. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

  • Elezioni regionali 2020: ecco chi è mister preferenze a Salerno città, i più votati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento