Lunedì, 17 Maggio 2021
Cronaca

Abusi sulla nipote e l'amichetta, la procura di Nocera presenta appello

Ci sarà anche il secondo grado di giudizio per un'inchiesta che ha già visto una condanna a 12 anni per un uomo originario di Nocera Superiore. Il ricorso è avverso anche alla sentenza di assoluzione per la madre di una delle due minori

Ci sarà anche l'appello per l'inchiesta che ha visto condannare, in primo grado, a 12 anni di reclusione, un 70enne, accusato di aver consumato atti sessuali sulla nipotina di 10 anni e l'amica, in un caso, di 9. Il ricorso è avverso anche alla sentenza di assoluzione per la madre di una delle due minori, che l'organo inquirente ritiene invece colpevole. Il tribunale l'aveva assolta per insufficienza di prove, non potendo stabilire se il genitore avesse avuto reale contezza di quanto accaduto. E nè se ulteriori episodi di abusi fossero stati commessi, dopo i precedenti. 

L'indagine

Secondo le accuse della Procura, accolte in primo grado dal tribunale, l’uomo avrebbe obbligato la nipotina a subire atti sessuali, toccandola per due volte nelle parti intime, quando la stessa si trovava a letto ammalata e quando la madre si trovava fuori, ad un funerale. Verso l'amichetta della nipote, invece, approfittò del fatto che le due giocassero insieme, in casa, mostrandosi con i pantaloni abbassati. Anche nel caso della seconda minorenne, il tribunale riconobbe la veridicità della testimonianza. Pur con "imbarazzo e vergogna", la piccola si aiutò con un foglio per descrivere i tratti salienti di quell'episodio di cui rimase vittima. Ora il secondo grado di giudizio, con inizio previsto per il prossimo marzo. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi sulla nipote e l'amichetta, la procura di Nocera presenta appello

SalernoToday è in caricamento