Assenteismo al Ruggi: i primi rinvii a giudizio per i 400 dipendenti coinvolti nello scandalo

Qualcuno è riuscito a dimostrare scambi di persona o errori interpretativi facendo stralciare la propria posizione ma per la maggior parte, adesso, inizia la fase dell'udienza preliminare in cui sceglieranno il rito normale o quello abbreviato

Sono state effettuate le prime richieste di rinvio a giudizio che riguardano i 400 dipendenti del San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona coinvolti questa estate nello scandalo assenteismo. Qualcuno è riuscito a dimostrare scambi di persona o errori interpretativi facendo stralciare la propria posizione ma per la maggior parte, adesso, inizia la fase dell'udienza preliminare in cui decideranno se rischiare il rinvio a giudizio con il rito normale o se scegliere quello abbreviato.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Elezioni 2020 in Campania: lo spoglio e i risultati/La diretta

  • Posticipato l'inizio della scuola in 12 comuni salernitani, l'elenco si allunga

  • Inizio dell'anno scolastico: 1° campanella il 28 settembre in altri 7 comuni salernitani

  • Si laurea a 20 anni con Lode in Ingegneria Informatica: targa per un salernitano

  • "Oggi voti? Certo, dopo il matrimonio mi reco al seggio": curiosità a Sassano per gli "sposi elettori"

  • Elezioni amministrative 2020: la diretta dello spoglio, i risultati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento