rotate-mobile
Giovedì, 13 Giugno 2024
Cronaca

Precari del Ruggi: arriva la proroga dei contratti, esulta la Cgil

Questa mattina è stata pubblicata dall'Azienda Ospedaliera Ruggi d'Aragona di Salerno la delibera per la proroga dei contratti dei lavoratori precari

Questa mattina è stata pubblicata dall'Azienda Ospedaliera Ruggi d'Aragona di Salerno la delibera per la proroga dei contratti dei lavoratori precari. Sono stati rinnovati tutti i contratti dei lavoratori a tempo determinato e co.co.co. di tutti i profili professionali al 30 giugno 2022.

La reazione
 

"È un importante risultato frutto della mobilitazione costante di questi ultimi due mesi messa in campo dalla FP CGIL di Salerno. La Rsu CGIL del Ruggi e la Segreteria Provinciale della FP CGIL hanno portato avanti una vertenza che aveva quale obiettivo la dignità degli operatori sanitari e soprattutto la garanzia dei servizi essenziali da garantire ai cittadini in un momento ancora complicato per il sistema sanitario regionale e nazionale. È stato riconosciuto ai lavoratori precari lo straordinario impegno portato avanti con tanto coraggio dai primi giorni della pandemia. Centinaia di lavoratori, anche al primo impiego, che hanno lottato con il virus in prima linea. Un ulteriore aspetto positivo sarà la possibilità prevista dalla nuova Legge finanziaria che prevede la possibilità della stabilizzazione per coloro che raggiungeranno i 18 mesi di servizio appunto al 30/06», dichiara il Segretario Generale della Funzione Pubblica CGIL di Salerno Antonio Capezzuto. "Continueremo la mobilitazione per la stabilizzazione dei precari e affinché vengano concluse le procedure concorsuali in atto per consentire ai vincitori di concorso di raggiungere l'obiettivo del tempo indeterminato. Questa vertenza dimostra che il sindacato e i lavoratori, uniti, possono far determinare scelte importanti a tutela del lavoro e dei cittadini utenti", conclude.
 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Precari del Ruggi: arriva la proroga dei contratti, esulta la Cgil

SalernoToday è in caricamento