Ruggi d'Aragona, chiesto un incontro per stabilizzare i dipendenti

I vertici della Uil Fpl: "Da sempre il sindacato è a fianco dei lavoratori precari e del loro diritto a realizzare una posizione lavorativa dignitosa in quanto patrimonio umano e professionale del nostro territorio"

La segreteria provinciale della Uil Fpl Salerno e la delegazione aziendale ha chiesto un incontro urgente al commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera universitaria "Ruggi D'Aragona" per applicare la procedura individuata di stabilizzazione a tutti i lavoratori precari dell’Azienda per non creare inopportune discriminazioni tra lavoratori. "Da sempre il sindacato è a fianco dei lavoratori precari e del loro diritto a realizzare una posizione lavorativa dignitosa in quanto patrimonio umano e professionale del nostro territorio", hanno spiegato i vertici della Uil Fpl.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Travolte da un'auto su un muretto, amputata la gamba a Giulia: l'amica avvia una raccolta fondi

  • Covid-19: 5 nuovi contagi in Campania, oggi 2 positivi ad Eboli

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento