Covid-19 al Ruggi, monitorati i pazienti positivi di 15 giorni fa: "Ci preoccupano"

Il sub commissario sanitario Borrelli: "Vediamo in ospedale in condizioni critiche i positivi di 10-15 giorni fa e quindi non abbiamo certezze sull’impatto sugli ospedali"

Resta alta la guardia all’azienda ospedaliera universitaria “San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona” di Salerno dove a destare maggiore preoccupazione, in queste ore, sono i pazienti affetti da Covid-19 ricoverati una quindicina di giorni fa. Sono sette le persone attualmente intubate presso la struttura sanitaria di via San Leonardo: quattro dei ricoverati nell’area infettivi-pneumologia sono quelli che preoccupano di più i medici.

La testimonianza

A confermarlo, in un colloquio con Il Mattino, è il sub commissario sanitari del Ruggi Anna Borrelli che si sofferma sul trend dei 15-25 casi che vengono accertati quotidianamente presso il laboratorio. "Il numero di questi ultimi giorni fa ben sperare. Adesso, però, vediamo in ospedale in condizioni critiche i positivi di 10-15 giorni fa e quindi non abbiamo certezze sull’impatto sugli ospedali. Certo, le misure di contenimento della diffusione stanno funzionando, visto che le percentuali diminuiscono, ma non bisogna abbassare la guardia”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

  • Natale 2020, approvato il Dpcm: ecco le regole per spostamenti, negozi e scuole

Torna su
SalernoToday è in caricamento