menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruggi, accesso negato a Salvini? Il direttore generale risponde al leader della Lega

Il direttore: "Gli ospedali sono luoghi di sofferenza e di cura, non di demagogia, in ogni Paese civile"

Salerno, milioni di euro di soldi pubblici buttati dal signor De Luca in un ospedale Covid mai inaugurato, una vergogna. La direzione generale ha ritenuto di impedirci di accedere e documentare.

Incredibile l’arroganza di chi ritiene che un ospedale pubblico sia casa sua, come il Direttore Generale. Sono curioso di sapere perchè non avremmo avuto il diritto di entrare. Sono stati spesi soldi pubblici per una struttura che non ha mai visto un medico, un infermiere e un paziente.

Lo aveva detto stamattina, a mezzo social, Matteo Salvini che ha fatto tappa al Covid Center di Salerno. Non è mancata la replica del Direttore Generale dell’azienda Ospedaliera Universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno, Vincenzo D'Amato che prende distanze dalla visita del leader politico della Lega.

La nota del Direttore del Ruggi

“In relazione all’iniziativa di cui non è mai pervenuta preventiva richiesta a questa Direzionee che ha visto irrompere in Ospedale il Segretario della Lega accompagnato da altri politici candidati locali, si precisa quanto segue:

1) Le norme di sicurezza e prevenzione legate all’emergenza Covid non consentivano e non consentono l’ingresso in Ospedale di persone estranee, a tutela della sicurezza dei pazienti e dell’interno personale. Nemmeno i familiari dei degenti, anche in casi di particolare gravità, possono accedere. E’ stato un atto non rispettoso delle regole, inopportuno in relazione anche all’attuale fase emergenziale e quanto determinatosi sarà oggetto di approfondimento.

2) Da un anno e mezzo, la Direzione dell’AOU Ruggi, come quella di tutte le Aziende Sanitarie della Campania, si attiene rigorosamente a una precisa disposizione firmata dal Presidente della Regione, che vieta ad esponenti di tutti i partiti di entrare negli ospedali per motivi politici, tanto più in periodo elettorale.

Gli ospedali sono luoghi di sofferenza e di cura, non di demagogia, in ogni Paese civile”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento