menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruggi, attivato un servizio di assistenza per i malati di Sla

’Azienda Ospedaliera Universitaria di Salerno mette a disposizione un ambiente dedicato alle persone con Sla per il day hospital e i controlli periodici e un‘equipe di 15 medici esperti

La necessità più importante per le persone con Sla è non essere lasciati soli dopo la diagnosi e di essere seguiti dai medici con controlli periodici lungo tutto il decorso della malattia. Per questo motivo, l’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d'Aragona di Salerno, in collaborazione con Aisla, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, ha attivato un servizio di assistenza che prevede visite periodiche in day hospital in un ambiente attrezzato per ospitare le persone con Sla e i famigliari che li assistono e la costituzione di un team di 15 medici esperti (tra cui neurologi, pneumologi, gastroenterologi, otorinolaringoiatri, terapisti del dolore, nutrizionisti) che ha il compito di seguire l’evoluzione della malattia.

All’equipe medica si aggiungono il personale infermieristico e i terapisti della riabilitazione. Aisla, inoltre, mette a disposizione gratuitamente, una psicologa che incontrerà in ospedale le persone con Sla e i loro famigliari in situazioni particolarmente delicate, individuate insieme all’equipe del Ruggi, come in occasione della comunicazione della diagnosi. I volontari saranno presenti in ospedale per dare informazioni utili ai pazienti e alle loro famiglie. Il servizio sarà presentato domani alle 11, nell’Aula ex Protocollo, presso la palazzina degli uffici amministrativi. Alla conferenza stampa interverranno il direttore generale dell’azienda ospedaliera Vincenzo Viggiani, il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli, il commissario dell’Asl Antonio Postigione, il presidente dell’Ordine dei Medici Bruno Ravera, il segretario nazionale di Aisla Fulvia Massimelli, il presidente della sezione di Salerno dell’associazione Pina Esposito, i volontari di Aisla Salerno, il direttore dell’Unità di Neurologia ad Indirizzo Riabilitativo Nicola Pugliese, il dirigente malattie neuromuscolari Antonella Toriello, e i referenti del reparto malattie rare del Ruggi Antonella Maisto e Massimo Triggiani. 
 
Al servizio, sia ambulatoriale che di day hospital potranno avere accesso tutte le persone con Sla attraverso prenotazione diretta effettuata dal personale dell’ospedale Ruggi di Salerno. L’accesso all’ospedale è facilitato da una tessera personale che sarà rilasciata ai pazienti e ai famigliari che li accompagnano per l’accesso con l’autoveicolo in parcheggio riservato, insieme a una chiave personalizzata per l’uso dell’ascensore. Oltre che sul day hospital le persone con Sla potranno contare sul supporto psicologico, curato dalla dottoressa che si occupa anche delle visite a domicilio che Aisla Salerno mette a disposizione gratuitamente ai malati di Salerno e provincia.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona "arancione", ecco cosa cambia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento