Salerno verso la ripresa: la maggioranza è responsabile, ma i trasgressori "fanno paura"

Il capitano Sposito: "Dobbiamo lavorare su quella sparuta minoranza di cittadini che fatica ad adeguarsi alla necessità e all'obbligo di indossare sempre la mascherina"

L'errore di un singolo, può causare le pene di tutti. Questa la realtà con cui il territorio deve confrontarsi, in questa delicata fase 2 dell'emergenza Covid-19. A fronte della maggioranza dei cittadini che, da ieri, uscendo di casa hanno indossato la mascherina, ora obbligatoria in Campania, tentando di mantenere la distanza sociale prevista per il contenimento del contagio, infatti, non sono mancate altre persone, dai più giovani ai più anziani, che si sono concesse uscite all'aria aperta, tra la gente, senza indossare il dispositivo di sicurezza. Il rischio, in questi ultimi casi, non è rappresentato solo dalle multe salate, ma anche e soprattutto dalla mancata tutela della propria e dell'altrui salute.  Da piazza della Concordia, a Torrione, sul lungomare e in via Nizza: numerosi i trasgressori che hanno anteposto l'imprudenza al buon senso, con il rischio di trasformare la ripresa in una non auspicabile ricaduta.

95627666_606924760168643_5331887807025643520_n-2


Intanto, super lavoro in piazza della Concordia, alla stazione e negli altri punti sensibili della città, ieri, da parte della Protezione Civile di Salerno che, tuttavia, non ha riscontrato particolari criticità, come sottolineato dal responsabile all'Emergenza del Nucleo Comunale, il Capitano Mario Sposito:

L'auspiscio è cha da qui in avanti ci sia un graduale ritorno verso la normalità: dobbiamo lavorare su quella sparuta minoranza di cittadini che fatica ad adeguarsi alla necessità e all'obbligo di indossare sempre la mascherina.

Certamente anche la polizia municipale e le altre forze dell'ordine incrementeranno i controlli per garantire il rispetto dell'ordinanza regionale. Confidiamo nel buon senso dei cittadini.

Va ricordato che sono esentati dall’obbligo di utilizzo della mascherina solo i bimbi fino a sei anni d’età e le persone con patologie non compatibili con l’uso di tale dispositivo di sicurezza, nonchè gli sportivi che praticano attività esclusivamente tra le 6 e le 8.30 del mattino. Chi trasgresisce tali disposizioni rischia una sanzione che va dai 400 fino ai 3000 euro.
 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Lockdown? Arcuri lo boccia, la Campania rinuncia e procede con la didattica a distanza. Chiesti bonus e congedi parentali

  • Nuovo Dpcm 25 ottobre 2020: stop anticipato a ristoranti-bar, si fermano palestre e cinema

  • Fisciano, carabiniere si uccide con un colpo di pistola

  • Covid-19 a Battipaglia, 112 casi e 1 decesso. La sindaca Francese: "Ci sono i primi sintomatici, coinvolgere i medici di base"

  • Salerno a lutto: è morta Serena Greco in un incidente a Roma

  • Ordinanza anti-Covid di De Luca, i commercianti bloccano via Roma: "Il sindaco scenda dal Comune"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento