rotate-mobile
Sabato, 15 Giugno 2024
Cronaca

Detenuti senza casa, affidati in 32 ad associazioni: c'è anche Salerno

E' quanto emerge dall'incontro tra il Garante Regionale dei detenuti e le associazioni vincitrici del progetto di Cassa delle ammende riguardante l'accoglienza di detenuti senza fissa dimora; un incontro sul quale si è fatto il punto sulle criticita' riscontrate e sulle buone prassi ancora da seguire. 

Da ottobre dello scorso anno ad oggi 32 detenuti (26 uomini e 6 donne) senza fissa dimora, in Campania, hanno potuto accedere alle misure alternative al carcere grazie all'accoglienza assicurata da alcune associazioni di volontariato. Tra queste, alcune anche di Salerno. E' quanto emerge dall'incontro tra il Garante Regionale dei detenuti Samuele Ciambriello e le associazioni vincitrici del progetto di Cassa delle ammende riguardante l'accoglienza di detenuti senza fissa dimora; un incontro sul quale si è fatto il punto sulle criticita' riscontrate e sulle buone prassi ancora da seguire. 

Gli enti interessati

Gli enti "Cooperativa Less" (Napoli), "Migranti senza frontiere Onlus" (Salerno), "Cooperativa San Paolo" (Salerno), "Croce Rossa Italiana" (Comitato Napoli nord - Casoria), "Cooperativa L'uomo ed il legno" (Melito di Napoli), "Cooperativa Il Melograno" (Benevento), "Associazione Generazione Libera" (Caserta), "Associazione di promozione sociale Tarita" (Sant'Egidio del Monte Albino), da ottobre 2020, hanno accolto in totale 32 detenuti. "Sono grato alle cooperative e alle associazioni che hanno svolto un lavoro encomiabile accogliendo i diversamente liberi con non poche difficolta': le aree educative, talvolta, non hanno mostrato totale collaborazione alla partecipazione dei detenuti in queste case di accoglienza. In non pochi casi erano anche detenuti/e con problemi sanitari e psichici. I posti e i finanziamenti per le unita' abitative erano in totale per 65 detenuti/e, ma con mia somma meraviglia sono arrivate dalle carceri meno richieste, nonostante fossero previsti anche dei posti riservati alle detenute madri con figli", ha detto il Garante Regionale dei detenuti Samuele Ciambriello "Questo periodo transitorio di accoglienza e di inclusione, non e' stato vissuto solo da detenuti immigrati spesso irregolari, ma anche da italiani che in carcere non ricevevano visite dai propri congiunti o che erano stati allontanati dal nucleo abitativo. Mi auguro che Cassa ammende - ha concluso - possa riservare ulteriori finanziamenti per questa tipologia di progetto, perchè il detenuto senza fissa dimora una volta raggiunto il fine pena, e quindi fuori dal carcere, se non seguito a dovere, rischia di entrare nel circolo della criminalita' o diventa recidivo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Detenuti senza casa, affidati in 32 ad associazioni: c'è anche Salerno

SalernoToday è in caricamento