Salerno, droga consegnata a casa in sella agli scooter: condanne per oltre 80 anni

A capo del gruppo due ritenuti promotori, condannati entrambi a 16 anni di carcere. Agivano nei rioni Petrosino e Calcedonia. Il resto delle condanne va invece dai cinque ai quattro anni di reclusione

I pony express dello spaccio: sono 82 gli anni di carcere decisi dal gup del tribunale di Salerno per quattordici persone, responsabili e coinvolti in un'inchiesta per droga, che risale allo scorso settembre, grazie ad un lavoro investigativo condotto dalla Squadra Mobile 

L'inchiesta

Gli imputati hanno scelto per il giudizio il rito abbreviato. A capo del gruppo due ritenuti promotori, condannati entrambi a 16 anni di carcere. Agivano nei rioni Petrosino e Calcedonia. Il resto delle condanne va invece dai cinque ai quattro anni di reclusione. Il gup ha disposto anche la confisca dei beni immobili e finanziari, ordinando poi la distruzione di quelli mobili. Il traffico di stupefacenti riguardava cocaina, eroina e metadone che, oltre che a Salerno, si allargava anche nelle zone limitrofe. La droga veniva "prenotata" attraverso un giro di telefonate, poi consegnata dagil indagati in viaggio con gli scooter. I pusher giravan la città per le consegne, nei luoghi scelti in precedenza. Ma qualcuno la otteneva anche a domicilio, presso il proprio appartamento. Le prime attività investigative risalgono al mese di marzo del 2019. Il lavoro della Mobile avrebbe accertato almeno 50.000 richieste di acquisto di droga, registrate attraverso l'ascolto delle intercettazioni telefoniche. E a nulla serviva il codice "criptico" per mascherare ciò che realmente si stava per vendere. 
 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

Torna su
SalernoToday è in caricamento