"Mio figlio sta male", ma è una scusa per non pagare il carro attrezzi: il caso a Salerno

Un automobilista salernitano, che ha anche bloccato il traffico veicolare, rischia una denuncia per procurato allarme. Sul posto, infatti, sono intervenuti i sanitari del 118

Finge un malore del figlio per non pagare il carro attrezzi. Per questo ora un automobilista salernitano – riporta Ottopagine – rischia una denuncia per procurato allarme.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso

L’uomo, ieri sera, dopo essere rimasto in panne con la sua automobile nei pressi dell’uscita della Tangenziale a Mariconda, ha finto un malore del figlio chiamando anche i soccorsi del 118 per evitare il pagamento del carro attrezzi. Non solo. Ma, in poco tempo, si è addirittura sdraiato sulla carreggiata bloccato la circolazione veicolare. E’ stato necessario l’intervento della Polizia Stradale di Salerno per far tornare alla normalità la situazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Covid-19: tra ieri e oggi 24 nuovi casi nel salernitano, contagio a Campagna

  • Covid-19: schizzano i contagi nel salernitano, i dati sui ricoveri

  • Covid-19: altri 6 positivi a Pontecagnano, altri 2 contagi a Cava

  • Blitz antidroga a Scafati: 23 persone in carcere, 13 ai domiciliari

  • Covid-19, cinque casi nel comune di Serre. Il sindaco: "Uscite solo se necessario"

  • Aggressione nel porto commerciale di Salerno: botte alla professoressa

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento