Mercoledì, 17 Luglio 2024
Cronaca Pastena / Via Guido Vestuti

Oltre 1000 salernitani a Roma per chiedere l'estensione degli 80 euro alle pensioni più basse

Intanto mercoledì 9 maggio, presso il centro sociale di via Vestuti a Salerno, si terrà la prima di un ciclo di assemblee che permetterà alla Fnp Cisl salernitana di raccogliere le istanze dei pensionati della provincia

Oltre 1000 persone partiranno da Salerno in direzione Roma per partecipare alla manifestazione nazionale, organizzata unitariamente da Spi-Cgil, Fnp-Cisl e Uil pensionati, durante la quale i sindacati chiederanno al governo l'equiparazione della no tax area tra pensionati e lavoratori, estensione del bonus di 80 euro mensili alle pensioni più basse, separazione della spesa previdenziale da quella assistenziale e nessun nuovo intervento sulla reversibilità.

Intanto mercoledì 9 maggio, presso il centro sociale di via Vestuti a Salerno, si terrà la prima di un ciclo di assemblee che permetterà alla Fnp Cisl salernitana di raccogliere le istanze dei pensionati della provincia, che poi saranno portate all’attenzione del Governo Renzi. ''Con la manifestazione - spiega Giovanni Dell'Isola, segretario della Fnp Cisl Salerno - apriamo la vertenza dei pensionati nei confronti di Governo e Parlamento. A Salerno inizieremo una serie di incontri che, a stretto giro, continueremo in varie parti della provincia, da Sapri a Scafati. Manifestiamo per il rispetto di quei diritti che fino ad ora sono stati negati. L’iniziativa unitaria del prossimo 19 maggio vede nuovamente le tre organizzazioni sindacali in piazza a difesa dei pensionati i quali, da anni ormai, sono diventati il bersaglio di una politica che specula sulla loro pelle solo per fare cassa. Vogliamo che il Governo riprenda il tavolo di confronto avviato mesi fa per trovare insieme a noi le soluzioni più adeguate che possano mettere fine una volta per tutte, ad una situazione di perenne difficoltà nella quale i nostri pensionati sono costretti a vivere. Tutto ciò - continua il segretario - anche a danno dei nostri giovani che non riescono a trovare alcuna prospettiva lavorativa che permetta loro di costruirsi un futuro. E’ per questo che il 19 maggio ci ritroveremo tutti insieme a Piazza del Popolo per far sentire la nostra voce e pretendere che Renzi ci dia ascolto” conclude, infine, Dell'Isola ricordando come i pensionati salernitani, tra i più poveri della Penisola, con l’80% al disotto della soglia di povertà, sono stati comunque ulteriormente tartassati negli anni di crisi.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Oltre 1000 salernitani a Roma per chiedere l'estensione degli 80 euro alle pensioni più basse
SalernoToday è in caricamento