rotate-mobile
Cronaca

Nuova protesta delle cooperative sotto al Comune: "Il sindaco ci riceva"

Circa 90 lavoratori di ben otto cooperative non stanno ricevendo più lo stipendio. Su di loro pende, infatti, l’inchiesta giudiziaria che ha travolto, nelle scorse settimane, proprio dirigenti e politici di Palazzo di Città

Nuovo sit in di protesta delle cooperative dinanzi all’entrata del Comune di Salerno, ancora blindato per i giornalisti. Circa 90 lavoratori di ben otto cooperative non stanno ricevendo più lo stipendio. Su di loro pende, infatti, l’inchiesta giudiziaria che ha travolto, nelle scorse settimane, proprio dirigenti e politici di Palazzo di Città. Nel mirino della Procura di Salerno gli appalti affidati a tali cooperative per servizi di pubblica utilità. 

L'appello a Napoli e De Luca 

Al fianco dei lavoratori, ancora una volta, il segretario Fiadel Salerno Angelo Rispoli, che davanti alle telecamere ha lanciato un ennesimo appello all’amministrazione comunale, a partire dal sindaco Vincenzo Napoli, affinchè riceva una delegazione dei lavoratori. “In caso contrario – ha spiegato Rispoli -  chiederemo al Prefetto di convocare un tavolo di concertazione”. Un messaggio, infine, è stato rivolto anche al governatore De Luca: “Ha creato, da sindaco, Salerno Pulita e Salerno Mobilità. Un’intuizione positiva. Ora chiediamo che per questi lavoratori scatti la clausola sociale. Vanno aiutati, non dimenticati”. 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nuova protesta delle cooperative sotto al Comune: "Il sindaco ci riceva"

SalernoToday è in caricamento