Mercoledì, 23 Giugno 2021
Cronaca

Dipendente di Salerno Pulita picchiato in strada, l'ira dei sindacati: "Ora basta"

 L’operatore ecologico stava svuotando le campane del vetro in via Vernieri, quando è stato avvicinato dall’energumeno che lo ha malmenato. A seguito della violenza, ha riportato fratture e lesioni gravi, tra cui frattura di costola e mascella, al punto da costringerlo a farsi refertare all’ospedale Ruggi

Nuova aggressione ai danni di un dipendente della Salerno Pulita, la società municipalizzata addetta alla raccolta dei rifiuti. L’episodio si è verificato nella giornata di ieri. L’operatore ecologico stava svuotando le campane del vetro in via Vernieri, quando è stato avvicinato dall’energumeno che lo ha malmenato. A seguito della violenza, ha riportato fratture e lesioni gravi, tra cui frattura di costola e mascella, al punto da costringerlo a farsi refertare all’ospedale Ruggi di Salerno. In seguito ha sporto denuncia in Questura. Nella circostanza anche un altro operatore è stato coinvolto, anche se fortunatamente senza conseguenze serie. 

Le reazioni

Su quanto accaduto interviene il segretario Fiadel Angelo Rispoli: “Non solo questi lavoratori compiono il loro dovere con grande tenacia e responsabilità, ma addirittura vanno anche incontro ad episodi inauditi e vigliacchi come quello appena accaduto. Un’aggressione con gravi conseguenze ma che nonostante tutto non hanno trasformato in una rissa. Ricordiamo ancora una volta che il personale della società è sottodimensionato e parliamo spesso di dipendenti in età avanzata, per dare un’idea del contesto in cui svolgono il loro lavoro, comprese le attrezzature inadeguate e fatiscenti del Consorzio di Bacino, vecchie di 15 anni. Sono operatori che arrivano da anni di lotta per i loro diritti e non meritano anche questo. Da 50 giorni Salerno Pulita non ha un amministratore delegato. La nostra solidarietà ai lavoratori è la migliore risposta a chi specula per qualche voto. Ci auguriamo la loro pronta guarigione e invitiamo sindaco e amministrazione a manifestare la stessa vicinanza a queste persone”.

Gli fa eco il segretario generale della Fp Cgil Antonio Capezzuto: “Quanto accaduto è figlio della campagna di odio che va avanti ormai da anni contro gli operatori della Salerno Pulita, oggetto quotidianamente di dure aggressioni verbali per strada, sui social, e ora anche fisiche. È un campanello d'allarme che non va assolutamente sottovalutato. Questa campagna di odio deve finire! Più volte abbiamo richiesto supporto per il controllo del territorio durante l'espletamento del servizio degli operatori, in particolare durante il lunedì notte contro il fenomeno indiscriminato dell'apertura delle buste dell'indifferenziato, che oltre a deturpare l'immagine cittadina mette a serio rischio l'incolumità fisica di donne e uomini della società Partecipata. Inoltre, proprio lunedì notte in città si sono verificati tre diversi incendi di carrellati dell'indifferenziato in vari quartieri È ora di intervenire prima che possano accadere episodi di ulteriore gravità. Aspettiamo risposte da tempo e i lavoratori non possono essere lasciati soli al loro destino. Ora basta! Esprimiamo al lavoratore la nostra piena solidarietà augurandogli una pronta guarigione".  

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Dipendente di Salerno Pulita picchiato in strada, l'ira dei sindacati: "Ora basta"

SalernoToday è in caricamento