Salerno Pulita e la battaglia per la stabilizzazione: la nota della Fiadel

Nota - Questo comunicato è stato pubblicato integralmente come contributo esterno. Questo contenuto non è pertanto un articolo prodotto dalla redazione di SalernoToday

Ieri si è tenuto un importante incontro presso la sede di Salerno Pulita. E' iniziato alle 10.30 e si è protratto fino alle 16.30. Erano presenti il presidente di Salerno Pulita, Ferraro, il consulente della società, Sorrentino, le organizzazioni sindacali, la Fiadel con Angelo Rispoli, la RSU con Francesco Pezzano e la delgata Antonella Condolucci.

L'esito e la nota della Fiadel

"La vittoria ha cento padri e la sconfitta è orfana. Quando dicemmo che i lavoratori delle aziende interinali, i dipendenti del settore pulizie dovevano essere tutti inquadrati come dipendenti di Salerno Pulita a tempo pieno e con contratto unico. fummo ritenuti sognatori e ci costrinsero a fare uno sciopero da soli. Oggi tutti si sbracciano per attibuirsi il risultato, compreso chi ci chiamò sognatori e non scioperò, anzi orgogliosamente si vantò di non scioperare. Oggi abbiamo ottenuto che nessuno sia stato licenziato, nonostante la perdita dell'appalto a Palazzo di Giustizia. Anzi, abbiamo ottenuto il primo passaggio di 25 lavoratori dal settore pulizie al settore igiene ambientale ed a questi lavoratori dopo quattro mesi di livello j viene riconosciuto il livello 1 b e dopo solo 4 mesi di livello 1 b in data primo dicembre 2020 il primo b diventa 2 b. Abbiamo realizzato una prima parte di un sogno. Nel verbale c'è scritto che le parti s'incontreranno a settembre per il piano industriale e le integrazioni nel settore ambiente. La Fiadel non si fermerà e vuole realizzare il sogno fino in fondo contratto unico".

Torna su
SalernoToday è in caricamento