menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Salerno, clochard morto e abbandonato al "Ruggi d'Aragona"

Il corpo del 55enne bulgaro si trova in una cella frigoriferia dell'azienda ospedaliera universitaria. A dicembre l'Ambasciata ha dato l'ok per i funerali a carico del Comune

Da sei mesi nessuno reclama la salma di un clochard rinchiusa nella cella frigorifera dell’obitorio del “Ruggi d’Aragona” di Salerno. Si tratta di Stankov Svilen Mitkov, deceduto lo scorso 23 ottobre a Salerno. Era nato a Vidin, in Bulgaria. Nessuno ha mai saputo perché fosse finito per strada. In tanto lo conoscevano e gli volevano bene perché era una persona gentile ed educata.

Il caso

Dopo il decesso – riporta La Città - sono state avviate tutte le procedure per verificare la presenza di parenti ancora in vita e la possibilità di far partire la salma alla volta della Bulgaria. A dicembre, però, l’Ambasciata della Repubblica di Bulgaria a Roma scrive per “richiedere cortesemente un funerale di beneficenza a Salerno a favore del cittadino bulgaro Stankov Svilen Mitkov. I familiari in Bulgaria hanno dichiarato di non avere i fondi necessari per la tumulazione”. E gli uffici dell’Ambasciata “dichiarano che nulla osta alla tumulazione su territorio italiano della slama del cittadino bulgaro”. Il seguito alla missiva dell’Ambasciata (che scarica tutti gli oneri sul Comune di Salerno) è stato che il corpo del signor Mitkov è stato definitivamente dimenticato.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Vendita e Affitto

Bonus affitto 2021: come ottenerlo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento