rotate-mobile
Venerdì, 14 Giugno 2024
Cronaca Centro / Piazza XXIV Maggio

Tentata rapina in Piazza Malta: studentessa aggredita per il telefonino, si cerca una straniera

L'appello dell'europarlamentare salernitana Isabella Adinolfi (Fi): "Occorre una maggiore presenza delle forze dell’ordine nelle piazze, davanti alle scuole e alle fermate dei bus. A volte, anche una semplice presenza può rappresentare un deterrente per un malintenzionato"

Momenti di tensione, ieri mattina, in pieno centro a Salerno, dove una studentessa di 17 anni, appena arrivata con l’autobus da Pontecagnano, è stata aggredita da una giovane mentre aspettava il fidanzato nella centralissima Piazza XXIV Maggio (Piazza Malta) per recarsi all’istituto Focaccia.  A  lei - riporta Il Mattino - si è avvicinata una ragazza straniera di origini rom, che ha tentato con la forza di rubarle il telefonino minacciandola probabilmente con un coltellino o una chiave. La 17enne ha cercato di difendersi ed è stata ferita alla mano. A quel punto, la ladra si è data alla fuga, mentre la studentessa è stata accompagnata al pronto soccorso del “Ruggi d’Aragona” per le cure del caso. Per lei una prognosi di sette giorni. Intanto, sull’episodio, sono in corso le indagini della Polizia di Stato. 

Il video >>> L'intervento del sindaco

Fi chiede più controlli

Dopo l’ennesimo episodio di violenza, interviene l’europarlamentare salernitana di Forza Italia Isabella Adinolfi: “La città di Salerno è sotto assedio da tempo, ostaggio di delinquenti, sbandati, pronti a tutto anche per pochi spiccioli. L’aggressione alla studentessa 17enne, avvenuta per di più in un luogo centrale, è la conferma di quanto denunciamo da mesi sulla carenza di controlli. Ogni giorno nel capoluogo affluiscono da ogni angolo della provincia centinaia e centinaia di studenti, per cui provate ad immaginare lo stato d’animo con cui un genitore deve mandare un figlio a scuola”. Per Adinolfi “è impensabile che in un capoluogo di provincia non ci sono telecamere di videosorveglianza e quelle poche presenti sono spesso anche non funzionanti - continua l’eurodeputata forzista - Ci sono i protocolli, ci sono i progetti, ci sono i finanziamenti, però servono gli interventi. A ciò si deve aggiungere una maggiore presenza delle forze dell’ordine nelle piazze, davanti alle scuole e alle fermate dei bus. A volte, anche una semplice presenza può rappresentare un deterrente per un malintenzionato”.  

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tentata rapina in Piazza Malta: studentessa aggredita per il telefonino, si cerca una straniera

SalernoToday è in caricamento