menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Operazione "El Fakir", traffico di droga a Salerno: liberati due cugini di Pagani

Secondo le accuse, i due paganesi furono ritenuti intranei al "sistema" per l'acquisto di droga, captato in un'intercettazione in cui uno dei due parlava con il promotore del gruppo, di una cifra di circa 75mila euro

Il Tribunale del Riesame di Salerno ha annullato le ordinanze incarcere per due cugini di Pagani, M.M. e M.M. , tornati in libertà. Stessa decisione per un salernitano G.R. Sullo sfondo, c'è l'indagine ribattezzata "El Fakir", concentrata su un sistema criminale di traffico di droga e riciclaggio. 

I ruoli

Secondo le accuse, i due paganesi furono ritenuti intranei al "sistema" per l'acquisto di droga, captato in un'intercettazione in cui uno dei due parlava con il promotore del gruppo, di una cifra di circa 75mila euro. Per la difesa, invece, quello altro non era che un debito che uno dei due aveva per la gestione di un negozio a Salerno. Già al gip avevano spiegato di aver contratto un debito con P. - il promotore - e di avergli versato solo la cifra di 10mila euro, fuori da ogni attività riferita agli stupefacenti, con l'obbligazione legata all'attività di vendita di abbigliamento gestita da uno dei due cugini a Salerno. "Un prestito di cortesia", nulla a che vedere con la droga. Per G.R. invece, il tribunale ha riconosciuto l'estraneità ai fatti su di un acquisto di droga che poi sarebbe stata spacciata sul territorio. Venticinque sono gli indagati dell'inchiesta. I coinvolti nell'operazione, a vario titolo, rispondono di associazione finalizzata al traffico illecito di stupefacenti, con l'aggravante della transazionalità del reato, detenzione e spaccio, intestazione fittizia di beni, riciclaggio ed auto riciclaggio, truffa per il conseguimento di erogazioni pubbliche. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento