menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Petta

Petta

Lieto fine al Ruggi, mamma e figlioletto salvi dopo un lungo calvario

Ancora un piccolo miracolo compiuto dai medici del reparto "Gravidanze a rischio" guidato dal primario Raffaele Petta

Una buona notizia dal Ruggi. La 33enne Veronica Saggese, alla 34esima settimana di gravidanza, con una patologia che rischiava di ucciderla da un momento all’altro, ce l’ha fatta e con lei è stato salvato anche il bambino che adesso, dopo il ricovero, la neomamma ha potuto finalmente abbracciare. Il 1° febbraio la 33enne fu ricoverata al "Ruggi" nel reparto di “Gravidanza a rischio” diretto dal dottore Raffaele Petta con una diagnosi di emiparesi al lato destro. La  risonanza magnetica rivelò una gravissima e rarissima patologia con distruzione della seconda vertebra cervicale e compressione del midollo. Un quadro clinico che può portare, anche con un minimo movimento del collo, a morte improvvisa per lesione dei centri bulbari respiratori. Così, i medici sono intervenuti innanzitutto stabilizzando le vertebre cervicali, con l’applicazione di un collare Philadelphia, e subito dopo eseguendo o un taglio cesareo che ha permesso la nascita di Raffaele, un bel bimbo di quasi 2 chili e mezzo.

L’equipe chirurgica era guidata dal primario Petta e dal suo team. Il 5 febbraio la paziente fu trasferita in Rianimazione e operata con un intervento durato più di cinque ore che prevedeva la rimozione della vertebra malata e la stabilizzazione della colonna cervicale. Il 12 febbraio, per problematiche respiratorie, la donna è stata condotta di nuovo in Rianimazione e sottoposta a una tracheotomia per poi essere ritrasferita in Neurochirurgia con la prescrizione di successivi accertamenti per approfondire la natura della lesione. Ma adesso, dopo aver superato il calvario, Veronica Saggese è a casa, insieme al figlioletto e al marito. "Questi risultati sono possibili grazie alla sinergica collaborazione del Reparto di Gravidanza a rischio ed con altri Reparti", ha commentato il dottore Raffaele Petta. Un lieto fine.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento