Minaccia di morte la ex moglie: "Ti do fuoco", arrestato per stalking

E' stato arrestato due giorni fa un 50enne operaio di San Marzano sul Sarno. Non aveva mai accettato la separazione dalla moglie

Perseguitava da anni l'ex moglie, minacciandola in più occasioni anche di morte. Come, per esempio, darle fuoco. E' stato arrestato due giorni fa un 50enne operaio di San Marzano sul Sarno

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

L'arresto

La vicenda che lo riguarda ha origine dal 2015, con l'uomo finito ai domiciliari sempre per le medesime accuse, quelle di stalking, dopo denunce presentate dalla ex moglie. L'operaio, tornato in libertà, aveva ripreso a perseguitare la donna. I due si erano separati nel 2011, ma l'uomo - come accade spesso - non aveva mai accettato quella chiusura. Era geloso di lei, ma non voleva neanche vivere lontano dai suoi tre figli. Da lì minacce e ricatti, con visite sotto casa. Più volte i carabinieri eran intervenuti, su segnalazione della vittima. "Una volta di queste ti dò fuoco", minacciò in un'occasione. L'arresto è scattato dopo l'ultima denuncia, eseguito dai carabinieri agli ordini del comandante della stazione Antonio Loffredo

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Richiamato per la mascherina abbassata, reagisce male: uomo bloccato a Salerno

  • Covid-19, sono 6 i nuovi casi positivi in Campania: 1 contagio ad Eboli

  • Covid-19: oggi solo lo 0,09% dei tamponi positivi, 2 nuovi contagi all'ospedale di Eboli

  • Covid-19, in lieve aumento i contagi nel salernitano: i dati provinciali

  • Covid-19, nuovo caso positivo a Battipaglia: l'appello della sindaca

  • Tragedia sul treno Piacenza-Salerno: tre campi di calcio intitolati a Ciro, Enzo, Peppe e Simone

Torna su
SalernoToday è in caricamento