"Truffe" sulla vendita di auto di lusso, i veicoli mai spediti dopo gli acquisti: 6 a giudizio

Il meccanismo ricostruito dalla procura, la cui tesi è stata accolta anche dal gup, riferì di proposte fatte attraverso Facebook sulla vendita di automobili a facoltosi clienti stranieri

Foto archivio

Truffe presunte consumate sulla vendita di auto di lusso, in 6 vanno a processo. Il meccanismo ricostruito dalla procura, la cui tesi è stata accolta anche dal gup, riferì di proposte fatte attraverso Facebook sulla vendita di automobili a facoltosi clienti stranieri, in particolare francesi e tedeschi. In fase preliminare, seppur caduto il reato di associazione, furono notificate alcune misure cautelari personali per alcuni degli indagati. 

Le accuse

Il gruppo avrebbe attratto acquirenti stranieri in Italia con proposte di vendita di vetture di lusso o d’epoca, offerte a prezzi comodi ed inferiori rispetto a quelli di mercato. I clienti giungevano in Italia, alloggiando in alberghi e ristoranti per visionare le auto, per poi avviare la trattativa di un accordo di fiducia. Le persone ritenuti promotori delle truffe riuscivano anche ad ottenere un pagamento cospicuo a titolo di anticipo. Tra le auto utilizzate per le truffe c’erano una Triumph tr6, una Giulietta Sprit e una Gt dell’Alfa Romeo, una Porsche 911 e una Volkswagen Golf Cabrio. Il processo comincerà il prossimo 10 marzo 2020. L'inchiesta fu condotta dai carabinieri di San Valentino Torio nello stesso comune. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Si schianta con l'auto contro un albero: morta la 24enne di Auletta

  • La banda dell'Audi: è caccia ai ladri che svaligiano case di Salerno e provincia

  • Tempesta di acqua e vento a Salerno: alberi sradicati, caos sulla Tangenziale

  • Maltempo e danni a Salerno, alberi su auto in via Roma: ci sono feriti

  • Provano a truffare un'anziana a Salerno: dipendente delle Poste chiama la Polizia

  • Rissa sul Corso Garibaldi, sotto le Luci: prima il sequestro della merce e poi la lite

Torna su
SalernoToday è in caricamento