rotate-mobile
Venerdì, 27 Maggio 2022
Cronaca

Assistenza sanitaria nel salernitano, Anna Petrone: "Partecipazione attiva"

Il consigliere regionale del partito democratico solleva l'attenzione sulle criticità dell'assistenza sociosanitaria nel territorio salernitano: "Bisogna aprire tavoli permanenti sul welfare, evitarne l'azzeramento"

Il consigliere regionale Anna Petrone, vicepresidente della commissione permanente "Sanità e sicurezza sociale" e componente della commissione permanente "Politiche sociali" della regione Campania ha iniziato, nella giornata di ieri, a Baronissi, un giro di consultazioni allo scopo di verificare lo stato di attuazione e le relative criticità del sistema di welfare salernitano. "Dopo il tour nelle strutture sanitarie del nostro territorio - ha commentato Anna Petrone - ho ritenuto opportuno avviare la stessa iniziativa anche nei luoghi strategici di attuazione dei piani di zona sociali salernitani".

Il consigliere regionale del Pd ha spiegato che "è necessario un raccordo diretto con i referenti istituzionali e territoriali per avere una visione reale delle difficoltà che attualmente sta attraversando il sistema di welfare campano, con un attenzione particolare per il salernitano che per le sue caratteristiche geomorfologiche e per il numero di abitanti reca ulteriori difficoltà gestionali. Il taglio del fondo nazionale politiche sociali, l'azzeramento del fondo per la non autosufficienza e il rispetto dei livelli essenziali di assistenza sociosanitaria stanno mettendo a dura prova il consolidamento del sistema di interventi e servizi sociali e sociosanitari che con grande difficoltà si stava cercando di sistematizzare".

Anna Petrone ha concluso: "Il mio obiettivo è quello di aprire tavoli permanenti sul welfare attraverso la partecipazione attiva dei protagonisti territoriali che possa impedire l'azzeramento di fatto dell'assistenza ai cittadini del salernitano".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Assistenza sanitaria nel salernitano, Anna Petrone: "Partecipazione attiva"

SalernoToday è in caricamento