rotate-mobile
Cronaca

Caos Sanità in Campania, le sigle sindacali proclamano lo stato di agitazione

Lo annunciano le sigle sindacali Cgil Fp Campania, Cisl Fp Campania, Uil Fpl Campania, Cgil Fp Veterinari, Cisl Medici, Uil Fpl Medici: "Il sistema sanitario è al collasso"

E' caos in Campania: le organizzazioni sindacali del comparto Sanità (Cgil Fp Campania, Cisl Fp Campania, Uil Fpl Campania, Cgil Fp Veterinari, Cisl Medici, Uil Fpl Medici) proclamano lo stato di agitazione: ”Dopo anni di tagli indiscriminati e di politiche di austerità, imposte dalle politiche dei Governi che si sono succeduti, il sistema salute sia pubblico che privato accreditato, è ormai al limite del collasso”.

Poi entrano nei dettagli: ”Il razionamento della spesa, dal 2007 al 2014, ha prodotto nel pubblico una riduzione di circa 15 mila unità di personale a causa del blocco del turn over; un precariato diffuso; la chiusura di servizi territoriali e ospedalieri; la soppressione di 2402 posti letto per acuti; lo smantellamento dei servizi psichiatrici e al paziente fragile; la mancata integrazione del 118 con la rete ospedaliera e dei Policlinici con il servizio sanitario regionale; l’aumento delle barelle, delle liste di attesa e della migrazione extra regionale”.

Inoltre denunciano ”l’assenza di contrattazione aziendale con garanzia dei fondi contrattuali necessari per sostenere il miglioramento delle condizioni di lavoro e dei servizi assistenziali”. Una situazione che secondo i sindacati ”è destinata a peggiorare” a seguito dell’entrata in vigore, lo scorso 25 novembre, della legge161/2015 che ripristina la normativa europea sull’orario di lavoro e sui riposi del personale del Servizio sanitario nazionale, ”illegittimamente sospesa in Italia e – ricordano – a tutela della salute dei lavoratori e a garanzia dell’appropriatezza delle prestazioni ai cittadini”.

Un appuntamento a cui – spiegano le sigle sindacali – ”si è arrivati in maniera impreparata, con il paradosso che un cambiamento positivo si possa trasformare in un rischio reale per l’assistenza in una regione, la Campania, dove l’esigibilità del diritto alla salute è in forte pregiudicato da anni e dove si attende, da sei mesi, la nomina del commissario ad acta da parte del Governo”. Ma la protesta potrebbe anche inasprirsi ulteriormente ”qualora non si affronti la grave crisi assistenziale e occupazionale con un piano adeguato per garantire la tenuta del sistema salute”. A quel punto – annunciano -  “saranno messe in campo ulteriori mobilitazioni”.
 
 

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Caos Sanità in Campania, le sigle sindacali proclamano lo stato di agitazione

SalernoToday è in caricamento