menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Ruggi d'Aragona, inaugurato il nuovo reparto di Ematologia e Centro Trapianti

Viggiani: "Abbiamo portato a compimento dei lavori importanti di ristrutturazione di un reparto e da oggi abbiamo la possibilità di intervenire su quelli che sono i trapianti di midollo osseo"

Tagli del nastro all’azienda ospedaliera universitaria San Giovanni di Dio e Ruggi d’Aragona di Salerno. Questa mattina è stato inaugurato un nuovo reparto di ematologia e centro trapianti con cellule staminali, intitolato allo scomparso professor Bruno Rotoli, che dispone di una camera a 2 posti letto per trapianto autologo, 3 camere sterili per trapianti da donatore, 8 posti letto per degenza ordinaria, 6 posti letto day hospital e 3 posti letto con camera singola.

Al taglio del nastro erano presenti, tra gli altri, il sindaco di Salerno Vincenzo De Luca, il rettore Aurelio Tommasetti, il presidente della commissione Sanità della Regione Campania Michele Schiano di Visconti, e il direttore generale dell'Asl Salerno Antonio Squillante. Molto soddisfatto per l’apertura del nuovo reparto il manager del Ruggi Vincenzo Viggiani: "Finalmente abbiamo portato a compimento dei lavori importanti di ristrutturazione di un reparto e da oggi abbiamo la possibilità di poter intervenire su quelli che sono i trapianti di midollo osseo".

Per il primario del reparto Carmine Selleri "si tratta di un traguardo storico per il Ruggi. Abbiamo finalmente un vero reparto e centro trapianti con cellule staminali emopoietiche, dove saranno praticate terapie cellulari nelle leucemie acute". Assente per impegni istituzionali il presidente della Regione Stefano Caldoro, che però  – attraverso una nota – afferma che "a Salerno si punta sulle eccellenze, il Ruggi d'Aragona è strategico nella politica della sanita regionale". Il governatore campano sottolinea l'ottimo lavoro svolto dal direttore generale Viggiani, dal professor Selleri e da tutto il personale: "Stiamo costruendo una sanità migliore con piu' servizi e più assistenza di qualità. I riconoscimenti per il nostro lavoro ci lusingano ma per noi sono solo inizio di una nuova stagione che mette al centro il paziente".

Inoltre Caldoro ricorda che in questi giorni si riscrive il Patto per la Salute. "L'obiettivo - precisa nella nota - è riequilibrare le risorse e ottenere lo sblocco del turn over. Anche da Salerno deve arrivare un sostegno convinto a questo percorso che riaffermi pienamente il diritto costituzionale alla salute come diritto individuale della persona su tutto il territorio nazionale. Con le risorse e il personale di cui abbiamo diritto - ha concluso - e' possibile fare sempre meglio".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento