Sant'Egidio, condannati pusher vicini all'ex clan Greco-Sorrentino

Tre condanne davanti al gup del tribunale di Salerno per spaccio. L'indagine è quella ricostruita dall'Antimafia attraverso le dichiarazioni dei pentiti del clan Greco-Sorrentino, egemone per il traffico di stupefacenti sull’asse Italia-Spagna

Della droga sequestrata

Tre condanne davanti al gup del tribunale di Salerno per spaccio. L'indagine è quella ricostruita dall'Antimafia attraverso le dichiarazioni dei collaboratori di giustizia del clan Greco-Sorrentino, egemone per il traffico di stupefacenti sull’asse Italia-Spagna. A essere riconosciuti colpevoli Luca della Porta, con sentenza di 3 anni e 8 mesi; Mario Ferraioli, condannato a 5 anni e Adriano Laiso, condannato a 3. Quest'ultimo, insieme ad Antonio e Domenico Albano, oltre che a Mario Ferraioli, sono stati assolti da altri capi d'accusa. Le altre due persone coinvolte nell'indagine saranno processate con rito differente. I sette - secondo le indagini del sostituto procuratore Maurizio Cardea, erano collocati a margine in un più vasto traffico di droga nell'Agro nocerino sarnese guidato da soggetti residenti a Sant’Egidio, con i capi che disponevano passaggi e canali di rivendita, imbeccando i pusher di strada o quelli più grossi, dirigendo l’azione di controllo sul territorio e scegliendosi i clienti, i quali a loro volta rivendevano al loro giro di consumatori affezionati. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Le indagini abbracciarono come territori interessati i comuni di Pagani e Sant'Egidio del Monte Albino, mentre l'organizzazione criminale sì serviva di corrieri di Torre Annunziata e importava droga dalla Spagna con la supervisione dei capi del clan, all’apice gestito da Alfonso e Vincenzo Greco, padre e figlio, e da uomini della famiglia Sorrentino. Decisiva per rivelare l’organigramma e le molteplici influenze della cosca dedita al traffico internazionale di stupefacenti fu l’omicidio di Adriano De Risi, pusher ucciso in qualità di creditore maltollerato da quelli della famiglia: doveva avere del denaro e fu ucciso. Episodio che si registrò prima di una serie di pentimenti che avrebbero poi distrutto il clan.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Incidente a Olevano: troppo gravi le ferite, muore 43enne

  • Bimbo con la febbre: la mamma non aspetta il tampone e lo porta in ospedale, entrambi positivi

  • Covid-19: positivo anche un vigile collegato ai casi di Pontecagnano, sospetto di contagio a Cava

  • Violate norme anti Covid: la polizia chiude bar a Salerno

  • Covid-19, contagiata una bimba di Pontecagnano

  • Covid-19: sette nuovi contagi in Campania, il bollettino

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
SalernoToday è in caricamento