Addio ad Alfonso Pepe, il re del panettone artigianale: il cordoglio del web

Da tempo combatteva contro una brutta malattia che, purtroppo, nelle ultime ore lo ha sottratto all’amore dei suoi familiari e all’affetto di amici, conoscenti e clienti

Alfonso Pepe

Lutto a Sant’Egidio del Monte Albino per la scomparsa del maestro Alfonso Pepe, 55 anni, uno dei più conosciuti pasticceri salernitani divenuto celebre, soprattutto, per il suo panettone artigianale, che è stato riconosciuto come il migliore d’Italia. Da tempo combatteva contro una brutta malattia che, purtroppo, nelle ultime ore lo ha sottratto all’amore dei suoi familiari e all’affetto di amici, conoscenti e clienti.

La storia

Pepe Mastro Dolciere, una passione che ha inizio negli anni ’80, quando Alfonso Pepe si affaccia nel mondo della pasticceria con esperienze professionali in località turistiche d’Italia. Un mondo a cui sente subito di appartenere perfezionandosi sempre più frequentando scuole prestigiose quali l’Etoile e Cast Alimenti. Unico obiettivo, quello di poter avviare un’attività personale i cui prodotti portino il proprio nome. Traguardo raggiunto grazie alla collaborazione con i due fratelli, Prisco e Giuseppe, e la sorella Anna, con i quali Alfonso intraprende l’azienda che porta il nome di famiglia. Un traguardo fatto di amore e dedizione per il proprio lavoro tanto da portare Alfonso Pepe ad entrare, nel 1995, nell’Accademia dei Maestri Pasticceri Italiani e a specializzarsi nella lavorazione dei lievitati fino a diventare uno dei primi in Italia, primo in Campania, nella preparazione del panettone.

Il cordoglio

Numerosi i messaggi di cordoglio che, in queste ore, vengono pubblicati sui social network. Tra i primi quello del pizzaiolo napoletano Gino Sorbillo: “Delizierai tutto il paradiso fratello mio. Siamo tutti sconvolti e senza parole Alfonso Pepe per sempre nei nostri cuori”. Nonostante fosse originario di Sant’Egidio, Pepe era molto stimato anche nella vicina Pagani. “Un'eccellenza della città di Pagani che va via troppo prematuramente. Alfonso Pepe e la sua arte pasticcera hanno segnato i destini gastronomici del nostro territorio. Le sue delizie ci mancheranno insieme al suo garbo e alla sua cortesia. Ciao Alfonso, adesso il tuo panettone lo preparerai per gli angeli” scrive su Fab la prima cittadina paganese Annarosa Sessa. Anche la Confesercenti Angri, ne piange la sua scomparsa. Il presidente Aldo Severino dichiara: "Con lui si sono intrecciati i percorsi, quando furono avviati sul territorio  alcuni laboratori sui grandi lievitati,  di cui lui era esperto e conoscitore di segreti; non  si tirò indietro, anzi sciorinò, in tanti appuntamenti, tutte le sue doti non solo di grande pasticcere, ma anche di uomo buono e accogliente. Un padrone di casa perfetto, che mise a disposizione la sua nuova struttura, inaugurata da poco,  rivelando a larghi sorrisi quello che altri, molto probabilmente, avrebbero mantenuto segreto. Un vero maestro di dolcezza. Ne conservo un grande ricordo sotto il profilo sia umano che professionale, di lui si è apprezzata  la capacità di aver trasformato un suo sogno in una grande realtà imprenditoriale, oltre che per la famiglia, anche per la sua maestranza che anno dopo anno è andata sempre più ad infoltirsi, garantendo lavoro e produzione". "Oggi non abbiamo perso solo un amico, un professionista o un  maestro - gli fa eco il vicepresidente Paolo Novi, fotografo che più volte si è trovato con lui a stretto contatto - ma un punto di riferimento del nostro territorio che ha saputo esportare la sua arte, evidenziando altrettante eccellenze della nostra terra, affermandosi tra i più prestigiosi pasticcieri nazionali".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Nuovo Dpcm 3-4 dicembre: cosa cambierà, le anticipazioni

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Beccato alla guida senza mascherina: multato conducente in autostrada

  • Morte di Veronica, la Lucarelli contro un giornalista locale: "Era importante specificare che fosse innamorata?"

  • Salerno a lutto, è morto Ciro Di Lorenzo: ora veglierà sulla sua Maria Pia

  • Riapertura scuole in Campania, tamponi su docenti e alunni: De Luca firma l'ordinanza

Torna su
SalernoToday è in caricamento