Allagamento del Rio Santa Marina a Sarno, la denuncia di Crescenzo in procura

L'episodio è legato agli allagamenti nella masseria Spagnuolo a Lavorate, sul quale anche il sindaco Canfora aveva presentato un esposto all'autorità giudiziaria

Senza piogge il fiume Sarno esonda e distrugge le colture". Anche il vicepresidente del consiglio comunale a Sarno, Domenico Crescenzo, ci va giù duro, promettendo un esposto all'autorità giudiziaria su quanto accaduto giorni fa. "Finora eravamo abituati a questo tipo di problema in particolare nel periodo delle piogge, ma ora non piove da settimane, di chi è la colpa?”. L'episodio è legato agli allagamenti nella masseria Spagnuolo a Lavorate di Sarno. 

"Presento denuncia in Procura"

Il Rio Santa Marina, una delle sorgenti del Sarno, ha rotto gli argini ed ha invaso, come ormai purtroppo è consuetudine, le campagne circostanti, distruggendo il raccolto di tanti contadini. Sull'episodio, il consigliere comunale Crescenzo ha presentato una denuncia in procura.

Sono pronto a denunciare tutto alla Procura della Repubblica - dichiara Domenico Crescenzo - Diciamo basta a questo disgustoso scarica barile tra Enti, qui c'è bisogno di fatti concreti. Gli Enti preposti sono inadempienti sia per quanto riguarda la manutenzione ordinaria che quella straordinaria. E’ arrivato il momento che l’Ente Parco Fiume Sarno, il Genio civile e la regione Campania,  la smettano di sperperare soldi pubblici per organizzare convegni, campagne pubblicitarie e banchetti sul fiume Sarno e scendano in campo per risolvere i problemi concretamente. Queste povere persone lavorano mesi interi per vendersi il raccolto ma puntualmente il fiume Sarno fa prima di loro a distruggere tutto, per colpa di persone senza scrupoli che occupano poltrone, ma non si occupano del territorio. In inverno le piogge intense innalzano il livello del fiume, ma ora il problema è anche d' estate. Siamo a poche centinaia di metri dalla sorgente del Rio Santa Marina e lo stato del normale deflusso è già compromesso, completamente ostruito dalla folta vegetazione e dai sedimi del fiume stesso e le sponde che ormai non esistono più. Sono anni che denunciamo questo scempio ma nessun tipo di provvedimento è stato preso. Qui c'è bisogno di un'azione concreta. Ho chiesto l’intervento immediato della Polizia Municipale che si sono recati sul posto ed abbiamo denunciato tutto, sono al fianco di queste persone ed insieme a loro sono pronto a tutto. Non si può fare più sconto a nessuno e il tempo delle giustifiche è finito. C’è bisogno di una conferenza di servizi, tutti gli Enti: Comune, Regione Campania, Ente Parco Fiume Sarno, Genio Civile, Consorzio di Bonifica si devono mettere intorno ad un tavolo e devono capire quale è il problema e avere un programma di intervento di manutenzione costante. Siamo stanchi di questo menefreghismo, qualche persona di buona volontà sulle sponde del fiume ha creato anche qualche oasi felice ma purtroppo tutto viene vanificato da queste calamità”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La strage del Covid-19: muore nella notte 33enne incinta, Nocera piange Veronica

  • In arrivo nubifragi in Campania: le previsioni meteo per Salerno e provincia

  • Ospedale di Scafati, parla un paziente Covid: "Miracoli fatti in Campania? Qui mancano i caschi"

  • Lutto a Buonabitacolo: muore a 35 anni l'Appuntato Scelto Luca Ferraiuolo

  • Decreto del 4 dicembre: che cosa succederà a Natale, le indiscrezioni

  • Sangue in strada: accoltellamento a Pastena, fermato un uomo

Torna su
SalernoToday è in caricamento