menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sarno, accusa avvocato su un assegno perso: va a giudizio per calunnia

La professionista era stata additata come responsabile dello smarrimento di un assegno finito al centro della vicenda giudiziaria

Finisce a processo un 55enne di Sarno, accusato di calunnia nei confronti di un avvocato. La professionista era stata additata come responsabile dello smarrimento di un assegno finito al centro della vicenda giudiziaria

Le accuse

L'uomo aveva infatti presentato una denuncia di smarrimento, il 19 maggio 2014. Nel riferire l'episodio presso la filiale della Banca d'Italia di Salerno, aveva spiegato di aver perduto il vaglia cambiario emesso l'8 maggio 2014, del valore di 13mila euro, con richiesta successiva di accreditamento dello stesso sul suo conto corrente, con l'esplicito fine di ottenere un duplicato dello strumento di credito e di incassarlo. Con quella falsa attestazione, l'uomo accusò l'avvocato di essere responsabile del reato, pur essendo pienamente consapevole della sua innocenza. Questo passaggio si ricollegava alla copia originale del vaglio cambiario oggetto di denuncia, con ulteriore copia della denuncia di smarrimento presentata alla banca, dallo stesso imputato, e infine, dall'avvocato al suo cliente, cioè l'imputato, "con le quali l'avvocato lo invitava a presentarsi presso il suo ufficio al fine di ritirare il vaglio cambiario e di provvedere al pagamento delle competenze". L'uomo voleva raddoppiare l'importo e ora finirà a processo, per aver simulato un reato, guadagnandosi l'accusa di calunnia. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Indice RT: in Campania il più basso d'Italia

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento