Cronaca

Allagamenti e fango a Sarno, evacuate 300 persone: la lettera del sindaco

E' scattato alle 8 il piano di evacuazione disposto dall'amministrazione comunale per mettere in sicurezza centinaia di cittadini residenti nelle areee critiche a ridosso del versante a rischio idrogeologico

Il fango in città

"Tutta colpa dei piromani". I cittadini di Sarno sfollano ma lanciano anche accuse. A causa del maltempo, circa 300 persone sono state evacuate da via Pietro Nocera, vicolo Orefice, via Mortaro e vicoli adiacenti, vicolo San Martino, vicolo Tre Corone, e molte di loro saranno ospitate nell’edificio della scuola media Baccelli attrezzata per l’accoglienza in sicurezza. Scuole chiuse in città così come in altri comuni dell’Agro nocerino sarnese. Al lavoro, dalle prime luci dell’alba, gli agenti della Polizia Municipale, i vigili del fuoco, gli uomini della Protezione Civile e tanti volontari. Sotto osservazione anche località Saretto, proprio dove era stato appiccato l'incendio in estate.

La lettera del sindaco alla cittadinanza:

So bene cosa significhi lasciare la propria casa, ma in questo momento è necessario. Queste ore passeranno in fretta, ci sarà supporto per tutti. Siamo sul territorio per aiutare tutti. Sono vicino ai miei concittadini, ai bambini, agli anziani, ai disabili. Vi sono vicino prima come uomo e, poi, come sindaco. La nostra storia ci ha insegnato a non sottovalutare certe situazioni, ad avviare tutte le misure precauzionali del caso. Purtroppo, l’incendio di settembre ha reso ancora più fragile il nostro territorio. Un atto criminale, ignobile, che non smetterò di condannare in ogni sede possibile, perché contro la nostra città che ha pagato con la vita di 137 persone gli scempi all’ambiente. Lavoriamo sulla sicurezza, su previsione e prevenzione, il nostro impegno come amministrazione è costante e continueremo a chiedere pene severe contro chi mette in pericolo la vita dei nostri concittadini. Restiamo uniti. Anche ora, soprattutto ora.

La rabbia dei cittadini

I residenti sono infuriati: puntano l'indice contro i "ragazzini piromani" che in estate hanno appiccato il fuoco in località Saretto. Non ci sono più alberi e arbusti, il terreno è diventato franoso e tutto crolla. Il boschetto era stato distrutto lo scorso settembre da un gruppo di ragazzini, tutti minorenni, che si erano recati in montagna. Una donna di 28 anni, in preda alle doglie, è stata nel frattempo trasportata in ospedale dove ha partorito.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Allagamenti e fango a Sarno, evacuate 300 persone: la lettera del sindaco

SalernoToday è in caricamento