Parco Regionale del Sarno, deposito incontrollato di rifiuti pericolosi: blitz della Forestale

Sono stati effettuati mirati controlli, finalizzati ad accertare le corrette modalità di gestione dei rifiuti prodotti da attività artigianali (officine meccaniche)

Prosegue l’attività di controllo del territorio da parte del personale del Comando Stazione Carabinieri Forestale di Sarno e del Parco Regionale del Fiume Sarno finalizzati a prevenire e reprimere gli illeciti ambientali. 

I controlli

A riguardo, sono stati effettuati mirati controlli, in giornata, finalizzati ad accertare le corrette modalità di gestione dei rifiuti prodotti da attività artigianali (officine meccaniche) che hanno consentito di accertare numerose violazioni di carattere ambientale ed in particolare l’illecito smaltimento di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi. Nello specifico, è stata riscontrata la realizzazione di depositi incontrollati di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi ma, anche l’assenza di autorizzazioni per l’esercizio dell’attività di meccatronica. Nell'ultimo caso, anche l’illecito smaltimento dei reflui fognari e dei reflui inquinanti provenienti dall’attività di meccatronica direttamente all’interno del canale denominato Rio Sgazzatoio, un canale che dopo un breve tragitto si immette nel fiume Sarno. Al termine delle oeprazioni, dopo il sequestro degli esercizi commerciali i titolari sono stati segnalati alla autorità giudiziaria.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Campania, parte la zona gialla "rinforzata": ecco cosa si potrà fare (e cosa no)

  • Nuovo Dpcm e zona gialla per la Campania: ecco le nuove regole da rispettare

  • Nuovo Dpcm 15 gennaio: ecco cosa dovrebbe cambiare anche in Campania, nelle zone gialle riaprono i musei

  • In Campania il numero dei vaccinati è maggiore dei vaccini arrivati: la Regione si affretta a chiarire

  • Strada ghiacciata, incidente a catena in autostrada a Pontecagnano: quattro i feriti

  • Vaccino ad amici e parenti, indaga la Procura di Salerno: intervengono i Nas

Torna su
SalernoToday è in caricamento