menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il materiale sequestrato durante le indagini

Il materiale sequestrato durante le indagini

Droga e armi, si chiude l'indagine partita dall'arresto di un imprenditore di Sarno

Si chiude con tre condanne e cinque sentenze di non luogo a procedere il secondo filone di un'indagine condotta dalla procura di Nocera Inferiore su un commerciante di 42 anni di Sarno

Grossi quantitativi di droga, pistola clandestina, munizioni e intestazione fittizia. Si chiude con tre condanne e cinque sentenze di non luogo a procedere il secondo filone di un'indagine condotta dalla procura di Nocera Inferiore su un imprenditore di 42 anni di Sarno, che ha patteggiato la pena di 2 anni e 10 mesi in continuazione con una precedente, emessa tempo prima, davanti al collegio, per altre accuse. Per il fratello, invece, il gup ha deciso per una condanna a 2 anni, per una sola accusa di droga in concorso, e assoluzione per il resto delle accuse. Un anno, con pena sospesa, per una donna, giudicata per la detenzione in concorso dell'arma e ricettazione, assolta invece dalle imputazioni per droga

La prima indagine

L’operazione dei carabinieri del reparto territoriale di Nocera Inferiore era il prosieguo di una precedente, con un primo arresto a luglio scorso, a seguito del ritrovamento di diversi quantitativi di droga nascosti in un pilone ferroviario, nella zona di Lavorate. Da lì, le nuove indagini, con una lunga attività di intercettazione, aveva portato a muovere accuse per detenzione di stupefacenti, detenzione abusiva di armi e ricettazione. Secondo l'iniziale prospetto accusatorio, tre indagati, insieme ad altri cinque, avrebbero maneggiato e detenuto importanti quantitativi di sostanze stupefacenti. Tra i sequestri, quello di oltre 7 chilogrammi di cocaina, 18 di hashish e 50 grammi di marijuana. A seguire, il rinvenimento di due pistole complete di munizionamento, una delle quali risultò rubata. I militari sequestrarono a scopo preventivo anche un'auto e un motociclo, contestando l'intestazione fittizia ad uno dei coinvolti. Tuttavia, per almeno cinque degli indagati, specie per le accuse di droga, non sono stati riscontrati elementi tali di colpevolezza per una condanna. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Razzo cinese, tra le traiettorie anche la Campania: "Restate a casa"

social

Dopo il "Zitt!" arriva la festa anche per Raffaele il Vikingo

social

Salerno: apre "Osteria di Pescheria", "Pizzicorio" diventa anche bar

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

SalernoToday è in caricamento